Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Uros Slokar, una delle grandi delusioni della prima parte di stagione fortitudina, ha una grande occasione sabato sera. Quella di riprendersi la Fortitudo e allontanare l’ipotesi cessione. Da lunedì si apre la finestra di mercato e oltre a DJ Strawberry, coach Sakota si aspetta forse Gregor Fucka e un centro americano. Nel frattempo dovrebbe rientrare anche Dalibor Bagaric. Ergo: lo sloveno ha una delle ultime chance di lasciare un segno. Per caratteristiche fisiche (è più centro che ala forte) e rendimento, è il giocatore più a rischio della Fortitudo odierna. Ma sabato avrà spazio e opportunità contro la sua prima squadra italiana, ovvero la Benetton. Slokar ha un precedente favorevole: giocando da ex ha disputato una partita notevole al debutto a Udine, 33 minuti, 10 punti, 11 rimbalzi, tutti primati stagionali.

SLOKAR – «Stiamo pagando duramente i tanti problemi e gli infortuni che si sono accumulati in quest’inizio di stagione, uniti ad un calendario particolarmente difficile -dice Slokar-. Ma noi giocatori sappiamo che la squadra non si sta esprimendo come dovrebbe ed è per questo che stiamo cercando di lavorare duramente. A Biella avremmo dovuto ripetere la gara di Montegranaro come spirito invece siamo stati deludenti». Slokar ha giocato la classica Fortitudo-Benetton sulla sponda opposta. Anche se si tratta di una battaglia tra nobili un po’ decadute, è sempre attraente. «Non ho ancora giocato il derby, ma credo che la sfida con la Benetton non resti molto più in basso, in un’ipotetica scala di valori. In passato ha significato la lotta per lo scudetto o per i playoff di Eurolega, insomma partite ai livelli più alti dove entrambe le formazioni hanno vissuto per anni e dove puntano a tornare stabilmente. A parte questo, ci sono anche i miei ricordi da ex: sarò sempre grato a Treviso per quello che mi ha dato, così come ora sono pronto a dare tutto per la Fortitudo Noi saremo determinatissimi a reagire, ma la Benetton dopo un inizio difficile ora è in un periodo molto positivo». Anche Slokar si appella al pubblico che però alla Fortitudo non è mai venuto meno. «Sia contro Roma nonostante la nostra pessima prova che con Rieti, i nostri tifosi ci hanno sostenuto in modo pazzesco. Credo capiti in pochissimi altri posti d’Europa. Nelle ultime due stagioni la Fortitudo non è riuscita a proteggere un fattore campo che un tempo sembrava inespugnabile, ma resto convinto che per noi sia un valore aggiunto. Dopo tante trasferte abbiamo tre partite interne su quattro: sono l’occasione per una svolta. I nostri tifosi sabato sera saranno nuovamente presenti in massa a sostenerci. Sta a noi non deluderli».

MERCATO – Ferrara – scontenta della giovane guardia Mykal Riley – potrebbe puntare su Joseph Forte. Se l’affare andasse in porto, il paradosso è che Forte potrebbe debuttare proprio il 29 a Bologna contro la Fortitudo. Ovviamente è un’ipotesi remota: se anche Ferrara facesse il colpo – e di colpo si tratterebbe – la Fortitudo, che ha il giocatore sotto contratto, lavorerebbe per non permettergli l’utilizzo in uno scontro diretto che diventerebbe molto delicato sotto l’aspetto tecnico e ambientale. Intanto lo Zaigiris sta sbaraccando in Lituania e dovrebbe liberare il centro di 2,15 Loren Woods, che è costoso ma bravo e atletico. Vedremo.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.