Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Con un blitz per superare Avellino (che ha in Zare Markovski un grande fan del giocatore), Zoran Savic ha rafforzato il settore lunghi della Fortitudo firmando un biennale con lo sloveno Uros Slokar, già visto in Italia a Treviso e Udine. Si puntella, dunque, il reparto finora meno polposo dell’Aquila, dove ancora si cerca una sistemazione per James Thomas e dove, oltre a Stefano Mancinelli e Alessandro Cittadini, pende la posizione di Dalibor Bagaric. Sloveno, quindi comunitario, classe 1983, Slokar è un quattro versatile, probabilmente un giocatore migliore di quel che ha fatto vedere finora nel suo peregrinare fra Italia, Nba e Russia. Mancino dalla mano dolce dalla media, troppo spesso d’impatto morbido sulle partite, talento indiscutibile, va forgiato: a Treviso raramente ha avuto molto spazio, la parentesi in prestito a Udine non è stata memorabile, il volo ai Toronto Raptors l’ha visto sostanzialmente guardare le partite dalla panchina (20 gare, 2 punti di media, non inserito nel roster per i playoff). Lo scorso anno sceglie il Triumph Lyubertsy (ex Dynamo Mosca Region, aveva appena cambiato denominazione per dribblare le pendenze da saldare con i tesserati) dove fra campionato russo e Uleb Cup gioca 33 partite: 7,3 punti di media in coppa, 8,4 in Russia, ma con un preoccupante 20% da tre (a Treviso, nel 2006, tirava col 46%). La nuova Fortitudo, quindi, prende forma, contando che i
rumors parlano di strada in discesa per Andre Barrett, il play che completerebbe il perimetro. Intanto la Virtus ha abbandonato il tavolo della trattativa con Earl Boykins: la rottura con l’agente Mark Termini è avvenuta al momento di parlare dei lussuosi benefit (casa, due auto, svariati biglietti di prima classe, royalties
sull’immagine e altre amenità) che il giocatore avrebbe richiesto oltre al milione e mezzo di dollari (di cui 300 mila all’atto della firma) d’ingaggio. Al momento ai bianconeri restano dunque solo due piste «calde», Travis Best e Vlado Ilievski, e l’impressione è che solo uno dei due possa arrivare. Più lontana la firma di Davide Bonora, più vicina invece quella di Roberto Chiacig, che nelle prossime ore potrebbe ufficialmente ritornare a far parte della squadra.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.