Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

FORTITUDO

Lamma – voto 6 – (11pti, 2/2, 3/4, 1/3) – Come il Mitico Villa, che ogni anno si vedeva arrivare nel proprio ruolo fenomeni o presunti tali, ma alla fine giocava sempre lui. Mille limiti, ma anche tanto cuore e il solito cercare, in fin dei conti, di fare la cosa più semplice.
Gordon – voto 6,5 – (14pti, 2/2, 6/11, 0/2) – Meglio quando, con accanto Lamma, gli vengono tolti compiti di mera regia. Si butta dentro, prende rimbalzi, non indietreggia mai. Quando però gli si chiede un po’ di ordine, le palle perse fioccano copiose, pure troppo. Termina anche da miglior rimbalzista (7).
Woods – voto 6,5 – (19pti, 8/8, 4/10, 1/4) – Prende lentamente le misure contro Sato, fatica contro Stonerook, e alla fine fa quanto possibile in una partita dove, a dire il vero, gli avevano costruito addosso la difesa. Non forza, qualche problema nel passar la palla reciproco con Mancinelli, sforzo inutile.
Mancinelli – voto 6,5 – (16pti, 0/1, 2/3, 4/6) – Regge la baracca quando, nel terzo quarto, inizia a sparar triple senza senso se non quello di andare, clamorosamente, tutte a bersaglio. Quando poi si oscura dal video con il quarto fallo, le tegole cadono: al rientro fa subito cinque, ma la F non può vivere sulla sua nuova vena di bomber.
Slokar – voto 4 – (0pti, -, 0/1, -) – Troppa grazia, sembrano dire i lunghi avversari, quando devono affrontarlo e gli banchettano sulla zucca senza nemmeno dover fingere di impegnarsi. Non tiene una palla in mano, da dinosauro ibernato che, riportato in vita, non sa bene dove sia finito.
Huertas – voto 5 – (9pti, 3/3, 3/4, 0/2) – Idee nebbiose davanti alla difesa schierata, quando azzarda passaggi laterali dimenticando che le altrui braccia sono fatte apposta per arpionare pizze mal riuscite. Meglio quando si butta dentro da solo, ma nella vita c’è anche altro.
Malaventura – voto 5 – (3pti, -, -, 1/4) – Vanno tutti più veloci di lui, sia davanti che dietro, e lui non ha né gambe ne polmoni per farci qualcosa.
Cittadini – voto 5 – (0pti, -, 0/1, -) – Peggio di così non può andare, con due assenze nel suo ruolo e, ugualmente, l’incapacità di conquistarsi minuti. Il tempo di un cross da sotto, e Sakota ne ha già abbastanza
Achara – voto 6 – (10pti, 2/3, 4/5, 0/2) – Ancora il migliore dei lunghi, cosa che pur con tutta la buona fede del mondo non depone a favore dei suoi colleghi. Almeno tiene gli scarichi in mano, e in questa F la cosa sembra già un gol. In difesa, ahinoi, è ancora lontanissimo dal concetto di aiuto difensivo, sia dietro che nel pick and roll. Dice mamma, crescerai: per ora, tanta buona volontà.

MONTEPASCHI SIENA

McIntyre – voto 7 – (15pti, 1/1, 1/3, 4/8) – Fa capire subito che la testa dei senesi non era rimasta al giovedì di coppa. Tre triple nei primi minuti, il resto è tutta discesa.
Domercant – voto 6 – (7pti, -, 2/5, 1/2) – Non c’è nemmeno tanto bisogno di lui, un po’ opaco.
Sato – voto 6,5 – (15pti, 4/4, 1/5, 3/4) – Un po’ di sofferenza dietro, quando Woods riesce piano puano ad uscire dalle sue reti. In attacco, quando lo chiamano c’è.
Stonerook – voto 7 – (7pti, 2/2, 1/2, 1/2) – Shaun, gran buona partita la tua: in difesa non ti superano, e sei andato a 12 rimbalzi in 25 minuti…“Non complimentatemi con me per i tanti rimbalzi che ho preso, ma di fronte non avevo nessuno, non è stata poi una grande impresa”
Eze – voto 5,5 – (5pti, 1/4, 2/4, -) – Tanto spazio, poco però da segnalare quando, in teoria, aveva occasioni per spaccare il mondo.
Finley – voto 6,5 – (15pti, 2/2, 5/5, 1/3) – Senza nemmeno premere l’acceleratore, conduce la squadra divertendosi e facendo divertire. Qualche bega dietro, ma qui si tratterebbe di tetrapiloctomia.
Carraretto – voto 6 – (3pti, -, -, 1/2) – Mette anche lui i denti nella torta.
Kaukenas – voto 7,5 – (19pti, 3/3, 8/10, -) – Si butta dentro ad ogni occasione, non trova mai una reale opposizione, e alla fine si trova ad essere in doppia cifra dopo pochi minuti di gioco. Tutto il resto viene in automatico.
Ress – voto 6 – (4pti, -, 2/3, 0/2) – Qualche minuto senza interferire e senza infierire, poi alla fine non può esimersi.
Lechthaler – voto NG – (0pti, -, 0/1, -)
Lavrinovic – voto 7,5 – (17pti, 5/6, 3/6, 2/2) – La doppia doppia più semplice della sua carriera, portandosi a spasso la buona lena, ma anche la totale inesperienza di Achara. Massimo risultato con il minimo sforzo: 30 di valutazione in 21 minuti.
Ingrosso – voto NG – (2pti, 2/2, -, -)

VERBA MANENT

Sakota – Congratulazioni a Siena, per la vittoria oggi così come quella di 3 giorni fa con il Barcellona. Sono buoni in difesa, ottimi nelle rotazioni; noi abbiamo provato a restare in partita, facendo in alcuni momenti buone cose in attacco. Non in difesa, quando non abbiamo fatto nulla di quanto avevamo prefissato, specie nella loro transizione, e questo ci ha fatto beccare molti tiri pesanti. Poi, quando alla fine ci è mancato un uomo della rotazione, il risultato è stato anche logico. Cittadini? Nessun problema. Dove migliorare? Adesso siamo questi, e dobbiamo cercare di fare il meglio con i giocatori che abbiamo. Ci manca un esterno, che abbiamo già firmato, e un lungo che dovrà arrivare, ma Siena, ripeto, è l’avversario sbagliato per metterci in evidenza. I lunghi? Siena li ha atipici, a parte Eze, con uno come Lavrinovic che si muove tanto: questo crea problemi difensivi, e Achara era l’unico che poteva far qualcosa. Huertas? Non ne faccio una questione di minutaggio, vorrei dividere i minuti meglio, ma quello che conta è provare a giocare con chi ho.

Pianigiani – Sono contento di quanto visto, anche se forse c’è stata un po’ di frenesia dopo i nostri break e qualche problema in difesa. Possiamo fare meglio, nei palloni vaganti soprattutto, e nel secondo tempo siamo riusciti ad evitare altre sbavature. Ma non potevo chiedere altro ai miei, attenti e precisi.

Mancinelli – Bravi loro per la vittoria, noi siamo di un livello diverso dal loro. Siamo rimasti in partita per un po’, limitando il divario, poi abbiamo smesso di difendere. Il motivo? Non so, siamo di certo più corti, non una squadra come loro, e questo si vede. I miei falli? Forse il quarto non c’era, ma non ci penso proprio, piuttosto forse potevo fare un po’ meglio. Finora sto giocando come so giocare, forse prima tiravo meno, ma ora siamo più corti e faccio meglio, questo sono io. La situazione esterna? Mi fido di Sacrati e di quello che ha detto

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.