Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/RVM_BOLOGNA_20140708.mp4
Il Bologna nel tardo pomeriggio ha annunciato il secondo colpo di mercato. Si tratta del centrocampista argentino Mario Zuculini, 23 anni, che nella notte dovrebbe aver firmato un contratto annuale con diversi benefit in caso di promozione. Con Matuzalem davanti alla difesa, Zuculini e Friberg mezzali, con Casarini e il giovane Gerevini a giocarsi una maglia, eventualmente con l’opportunità di vedere Friberg anche dietro alle due punte il centrocampo sembra completo e decisamente importante per la B. Dopo aver completato l’organico per quanto riguarda i portieri con Stojanovic e Coppola, anche lui annunciato oggi, e il centrocampo, Fusco sta lavorando sugli altri reparti. Partendo dalla difesa tutto rimane legato all’accettazione da parte di Maietta rispetto all’offerta fatta dal Bologna. Al capitano del Verona non è piaciuto come la dirigenza lo ha scaricato come pedina di scambio in occasione dell’acquisto di Lazaros e dunque bisognerà attendere per capire come si svilupperà la situazione. Da questo arrivo dipende anche il possibile scambio tra il difensore uruguaiano del Torino Rodriguez e il centrocampista rossoblù Michele Pazienza. Mentre viene smentita la voce che vede un possibile ritorno di Portanova Se qualche dubbio esiste per la difesa, ancora di più per il reparto avanzato. Infatti è necessario prima verificare la possibilità di uscire dal contratto di Bianchi, per il quale oltre alle squadre italiane si sono fatte vive sia squadra greche che cinesi, poi verificare se vi è qualche possibilità di cedere Acquafresca. Nel caso in cui il giocatore dovesse rimanere, sarebbe comunque necessario, oltre a Troianiello, poter contare su una seconda punta con il gol addosso. I nomi rimangono quelli di Nenè voluto da Lopez, ma pure quello di Granoche, lo scorso anno al Modena, così come non perde terreno il veronese Cacia, mentre un po’ dietro c’è il giocatore dell’Atalanta Ardemagni.
Infine dopo quattro anni lascerà Bologna nonostante un accordo che prevedeva ancora due stagioni il team manager Marcello Sanfelice. Davvero un peccato che non tutti in società ne abbiano apprezzato il lato umano e la capacità di fare da fulcro dei ragazzi nei momenti difficili. Dai mesi di Porcedda alle difficoltà di spogliatoio, fino alla retrocessione. Una gestione non semplice ma sempre svolta con grande attenzione e umanità. In bocca al lupo!

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.