Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

C’erano tutti quelli della nomenclatura storica (presidente Bertocchi in testa), mancava solo Claudio Sabatini. Un vezzo, cabala, la famiglia in vacanza a Forte dei Marmi, la voglia di non stare troppo addosso alla squadra e allo staff: tutti o forse nessuno di questi possono essere i motivi dell’assenza del patron, ma per la prima volta la Virtus sale a Cortina in contumacia Sabatini.
Forse un ruolo determinante l’ha giocato anche il cantiere aperto – ma ormai in dirittura d’arrivo – alla Futurshow Station.
Il museo bianconero è quasi ultimato, il grosso dei lavori erano stati completati nelle prime settimane del mese. Ma siccome Sabatini è uno puntiglioso, e siccome il 15 settembre arriva il Cska di Ettore Messina per l’amichevole di lusso del precampionato, l’impianto dev’essere tirato a lucido. Se tutto andrà secondo i piani, fra una decina di giorni la nuovissima casa della Virtus sarà inaugurata, proprio alla presenza di Messina che arriverà in città con la sua truppa la sera del 10. Seguirà il vernissage a Casalecchio, sarà alzato il velo sulla Station che potrà contenere 10 mila spettatori già per la Final Eight di Coppa Italia.

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.