Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_20161007.mp4

Finalmente Sadiq. In un pomeriggio di sole a Casteldebole, con le mosche ad infastidire i pochi presenti, almeno non è più un fantasma. Tra i cinque rossoblù scesi in campo per la breve seduta pomeridiana c’era anche lui, Umar Sadiq, il diciannovenne nigeriano arrivato l’ultimo giorno di mercato dalla Roma e che fino a questo momento era rimasto fermo a causa di un problema alla caviglia subito durante l’ultimo allenamento con la maglia della Roma. Dopo la bella esperienza estiva alle olimpiadi, il gigante sottile (1.92 per 75 chili) è tornato finalmente ad allenarsi con i compagni. Nulla di molto impegnativo, solamente la finalizzazione di traversoni provenineti dalle fasce. E a dire il vero non ha neppure fatto vedere molta grazia. Ma è chiaro che si tratta solo dell’inizio della sua avventura. Qualcuno dice che è un predestinato. Lo scorso anno due reti in appena sei comparsate con la maglia giallorossa. Ora a Bologna ci può essere un po’ di spazio. Destro non potrà giocare sempre per 90 minuti e il suo spazio potrà pure conquistarlo. Anzi in questa settimana, prima dell’arrivo degli altri, potrà mettersi in mostra nei confronti di Donadoni. Se non per la partita con la Lazio, da quella con il Sassuolo in casa. Un altro che sta cercando di alzare la testa è sicuramente Viviani, così come Adam Masina, Donsah e Rizzo. Erano solo loro ( con Verdi e non Viviani) i protagonisti nel pomeriggio a Casteldebole. Ognuno di loro ha un motivo per mettere tutto l’impegno possibile e dimostrare di valere una maglia da titolare. In mattina, invece, è proseguito il lavoro atletico, necessario per completare il recupero personalizzato dei singoli rossoblù. Intanto continuano le partite dei 12 nazionali rossoblù impegnati. Non è sceso in campo Pulgar nel 3-0 subito dal Cile contro l’Equador, mentre stasera saranno in sei gli impegnati la lanciatissima Grecia di capitan Vasilis Torosidis e di Marios Oikonomou al Pireo ospita Cipro. A Lussemburgo sarà di scena la Svezia di Filip Helander ed Emil Krafth, infine Incrocio rossoblù alla Groupama Arena di Budapest, dove a metà campo Adam Nagy troverà sulla sua strada Blerim Dzemaili, in un interessantissimo Ungheria-Svizzera

Categoria: Sport, Sport varie
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.