Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Sacrati ha festeggiato a bordo campo, spumeggiante. «Gioia immensa, speriamo che possa essere il primo passo del gruppo, che già in ritiro, a Lizzano, aveva mostrato grande coesione. Magari adesso ci andremo tutte le volte…». Ma ci credeva davvero? Savic ha detto che per la legge dei grandi numeri ci poteva stare una sconfitta di Siena. «Siamo stati bravi – ancora il patron – a sfruttare un loro momento non eccezionale. Potrebbe davvero essere la partita della svolta: la classifica è corta, intanto prendiamo slancio per scappare dalle zone basse. Per i play-off aspettiamo, è prestissimo». Pancotto analizza l’impresa: «Potevamo perdere prima di incominciare, pensando alla grandezza di Siena. E invece i ragazzi ci hanno creduto. Lottando con i quattro “passaportati” italiani, Huertas, Mancinelli, Malaventura e Cittadini, nel quintetto finale. Portati a casa tre quarti, con i rimbalzi e la voglia. Stratosferico “Citta” a rimbalzo, trascinante il Mancio». Pianigiani si leva il cappello: «Ci siamo passati la palla solo nel secondo quarto. Brava la Fortitudo a crederci e a provarci. Non dovevamo portare la partita sugli episodi, avendo anche poche energie. La Gmac invece ci ha messo l’extra per stenderci».

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.