Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

A tre giorni dalla conclusione dell’evento Bologna ricorda ancora la decima edizione della Run Tune Up, la mezza maratona di Bologna che domenica ha raccolto oltre seimila persona tra le 2000 dei competitivi e le oltre 4000 che hanno voluto provare il percorso dei 21 chilometri o quello più corto da sette o da tre.
Più che parlare della gara, che comunque ha visto le vittorie del kenyano Peter Chesang Kurui e l’alessandrina Valeria Straneo, con due grandi crono, 1:01:50 per l’africano, seconda prestazione “all time “ della mezza maratona felsinea, 1:10:32 per la piemontese, ottavo tempo di sempre di atlete italiane sui 21 km, volevamo parlare del valore che la manifestazione ha per tutta la città.
Un evento che ha portato tante aziende ad impegnarsi per coprire i circa 400.000 euro di costi della manifestazione, uno sforzo importante in un momento congiunturale come questo e che fanno dire a Celeste Group, organizzatrice della parte sportiva e HBCOM, che si è occupata dell’aspetto commerciale, che vale la pena proseguire nell’organizzazione di un evento che ogni anno diventa sempre più difficile. In effetti oltre ai costi, decisamente importanti, trovare 200 volontari che possano controllare il percorso, costruire uno spettacolo, grazie all’abilità di Michele Ferrari, che possa portare in piazza oltre 7000 persone, vincere le tante difficoltà tecniche per costruire percorsi sempre migliori, possono rivelarsi muri di non facile soluzione, che solo l’amore per lo sport vero, come è lo sforzo di una corsa, può portare

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.