Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Due settimane di sosta. Grave, gravissimo, se pensiamo che nel mondo del marketing si dovrebbe a tutti i costi tenere il brand sulle prime pagine in tutti i modi possibili e immaginabili. Specie se c’è bisogno di un rilancio, o comunque di dare spazio e interesse a chi dovrebbe cercarne disperatamente. Il campionato ha però messo la Fortitudo in queste condizioni, e se da un lato la cosa non è stata nemmeno malaccio per la truppa, che si è allenata e maggiormente amalgamata, pur con i problemi di coliche di Carretta e conseguente dubbio per la gara di domenica, sull’altro versante del mondo la cosa non è stata il massimo. E’ stata riaperta la campagna abbonamenti ancora per qualche giorno, e peccato che l’ultima partita, con sconfitta, non sia stata il modo migliore per convincere i ritardatari. Si vedrà, domenica, se il Paladozza riuscirà a dare un buon colpo d’occhio e d’orecchio come in fin dei conti era stato contro Marostica. Allora, si torna a giocare, come detto. In un curioso campionato dove la sosta non ha portato a gravi disastri di classifica: ha perso Roncade, per cui nessuno imbattuto e gruppone di testa allargato, quindi. A Bologna arriva la Coopsette Castelnovo, altra squadra reggiana di questo girone, e che Giuliani e soci hanno già incontrato, un mese e mezzo fa, in Coppa Italia a Ravenna. Vinse Castelnovo di rimonta, ma era davvero tutto un altro mondo, per una Conad che si era appena ritrovata o quasi. Li allena un bolognese (Stefano Ranuzzi), e per ora hanno tre sconfitte casalinghe e una vittoria esterna. Quasi normale, se vogliamo, in un girone dove si vince più fuori che in casa, 20 a 15 fin qui. E, tanto per ridere un po’ pensando al passato, è molto vicina la firma di DJ Strawberry (quel DJ Strawberry) a Pesaro. La prova che non serve giocare male, malissimo, per perdere gli estimatori. Infine, domenica al Paladozza verrà ricordata la figura di Andrea Blasi. Indimenticato regista che tanto bene fece in Fortitudo, sia come giocatore (era il perfetto backup di Sale Djordjevic, complementare come nessuno forse avrebbe potuto essere) che soprattutto come uomo.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.