Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La Fortitudo stavolta si prende un turno di riposo, in attesa dell’inizio dei playout che, dal prossimo weekend, stabiliranno i nomi delle squadre che retrocederanno in serie C. Che, in barba a tutti i proclamati sogni di gloria, la F scudata si trovi a giocare per non scendere ulteriormente di categoria, è già di per sé una sconfitta immensa, ma tant’è, in attesa delle novità societarie, che dovranno pur arrivare prima o poi, questo passa il convento, e questo occorre mandare giù, per una tifoseria che, in effetti, si è già vista rifilare scoppole un giorno sì e l’altro pure. Sarà quindi una Pasqua ben poco serena per Lamma e compagni, che attendono l’arrivo a Bologna per il 1° maggio di Prato, formazione giovane e pericolosa, che darà di certo filo da torcere al team biancoblù. La cui assenza dal campo, in questo weekend pasquale, si appaierà a quella delle nostre formazioni di Lega Due, anch’esse ferme in attesa di scontri determinanti per le rispettive classifiche: siamo infatti a due soli turni dal termine della regular season, e giocoforza i nodi cominciano ad arrivare puntualmente al pettine. Imola ha già ottenuto con largo anticipo la salvezza, vero obiettivo stagionale, ed ora, nonostante l’ultima pesante sconfitta incassata a Pistoia, può aspirare ancora ad un prestigioso posto nei playoff: occorrerà battere sabato prossimo Casalpusterlengo e tentare poi il colpo a sorpresa l’ultima giornata sul parquet della capolista Casale Monferrato. Difficile, certo, ma la sola possibilità di farlo è già un grande risultato per la società biancorossa. Tranquilla invece la situazione di Rimini che, già ammessa ai playoff, dovrà solamente lavorare per conquistare il miglior piazzamento possibile, ballando tra la quarta e la settima poltrona, mentre le altre 3 nostre formazioni (Forlì, Reggio Emilia e Ferrara) sono tutte coinvolte nella lotta per non retrocedere. Che tutte e 3 riescano ad ottenere il miracolo sembra sinceramente difficile: e questa è già una pessima notizia, dal momento che mai come quest’anno (con ben 5 formazioni partecipanti) l’Emilia Romagna è stata la regione più rappresentata numericamente nella seconda lega nazionale.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.