Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

A CASALE, domenica scorsa, è stato uno degli ultimi ad arrendersi. E con i suoi 18 punti, conditi da un eccellente 8/9 da due, Tommy Rinaldi (nella foto) ha ingaggiato un duello esaltante con un altro Tommaso, quel Fantoni che è stato a lungo suo compagno nelle nazionali giovanili. Peccato solo che il suo gran prodigarsi non abbia evitato ai Crabs il secondo stop stagionale. «Già, la soddisfazione per una buona prova è relativa se poi la vittoria se la prendono gli altri – ammette l’ala forte dei granchi –. Purtroppo abbiamo pagato quel prolungato sonno nei primi 20’, poi giocare con l’handicap non è semplice». Una partenza soft, aggiungiamo noi, che fa il paio con l’approccio difficile contro Jesi, quando i marchigiani riuscirono a scappare via subito. Un errore che non andrà ripetuto con l’Edimes Pavia, la squadra che dopodomani si affaccerà al 105 Stadium. «Dovremo essere subito tosti, senza farci azzannare dagli avversari – prosegue Rinaldi -. Adesso i discorsi sono pochi, questo 0-2 in avvio ci costringe a battere a tutti i costi Pavia. Non so come, ma quella partita dobbiamo assolutamente portarla via. Una vittoria ci aiuterà a sbloccarci».
ARRIVA una Edimes che nel suo ruolo, quello di numero 4, si affida ad ali piccole che si adattano per necessità come Mobley e Viggiano, un metro e 95 e non di più. Preoccupato della loro marcatura? Ci sarà da pedalare in difesa… «So già che dovrò sudare le proverbiali sette camicie, però c’è anche un rovescio della medaglia, cioè due finti lunghi come Viggiano e Mobley potrebbero avere a loro volta delle difficoltà nel contenere avversari più alti e più grossi come possiamo essere io e De Pol. D’altronde le squadre di Salieri (il coach pavese, ndr) giocano così, con un solo centro e quattro esterni. Dovremo stare attenti alla loro atipicità, fermare i contropiede, le transizioni.
Poi, nell’attaccare una difesa schierata, potrebbero avere dei problemi», sostiene Tommy, che si auspica inoltre «…una maggiore comunicazione in difesa. Dobbiamo parlare di più tra noi, così riusciremo a evitare quelle incomprensioni che finiscono per pesare».
RINALDI, insieme a Scarone, nel tardo pomeriggio odierno sarà nella Vecchia Pescheria per promuovere la collaborazione tra Basket Rimini e l’associazione ‘Facciamo centro’. Chi consuma un drink dalle 18.30 alle 20.30 avrà una riduzione sul biglietto della partita con Pavia.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.