Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Houston, abbiamo un problema. Bisogna che qualcuno spieghi ai Granchi che Jesi non è Scafati, Pistoia, oppure Livorno. Qualcun altro poi ricordi che, su 40’, ne andrebbero giocati 44, mentre al PalaTriccoli i Crabs cominciano a fare basket negli ultimi dieci. Deturpati a rimbalzo, dominati da Maggioli, e divelti dai tiratori jesini, i Crabs affondano per poi risorgere nel finale, con un clamoroso De Pol a far sperare nel più assurdo dei colpacci. Ma si sa, quando sei costretto ai miracoli contro il cronometro, finisce che nemmeno la dea bendata ti da una mano.
Partono davvero malissimo, i Crabs, arruffoni davanti e soprattutto molli dietro: la tripla laterale di Cuffee è già qualcosa di significativo (12-4 al 5’), con Sacco costretto al time out e al cambio immediato del fantasma Kesicki (dentro De Pol).
Nonostante il 4-0 di McCray che illude, Maggioli fa quel che vuole ma non per se, bensì per i compagni: anche Sambugaro si iscrive al club dei “piedi per terra”, e quando Rossini costeggia i 24 metri, il meno 11 è dipinto (19-8 al 8’). Le percentuali crollano, con Goss reso inoffensivo da Cuffee e la Fileni a banchettare sotto entrambe le tabelle: è già un lusso che Scarone, in completa zingarata, piazzi il triplone del 21-15 sulla prima campanella.
Nonostante Sambugaro imperversi, i Crabs, con Gurini dentro, girano meglio la questione: il primo gol di Goss e un libero di Rinaldi riportano Rimini a un possesso (24-21), ma il tutto è figlio degli ingressi di Raminelli e Bastoni, un’altra cosa rispetto a Ryan e Rossini.
Infatti, al rientro di Lupo, succede di tutto: il 40enne capitano jesino piazza due bengala consecutivi sui blocconi di Maggioli, mentre dall’altra parte De Pol lancia due cross con 16 metri di spazio. E’ il nuovo + 8 Jesi (33-25 al 15’), che mantiene perché Goss è l’unico a buttarla nel cestone. Tornati a meno 5, infatti, i Granchi incassano un 12-4 sanguinoso, firmato da super Maggioli e dai tiri incontestati jesini, difesa con gli occhi e preoccupante fuga Fileni (46-34 al 18’).
Rimini gioca male, non difende (Jesi 60% al tiro, Maggioli 10 punti e 11 rimbalzi), e ha un McCray imbarazzante: la naturale conseguenza è il meno 17, una mezza sentenza, già al “pensiamoci su” (53-36).
La falsariga rimane tale, con Jesi a tripleggiare l’immenso in totale fiducia (Ryan e Sambugaro infallibili, +21 sul 61-40), e i Granchi a pescare qualcosa nelle pieghe di una difficile rimonta: Goss ci prova dall’angolo, Rinaldi da vicino con alterne sfortune, ma i ritmi sono completamente marchigiani, anche perché sotto canestro ci sono solo gli arancioni di Zanchi e il dominio di Maggioli e Boykin tende addirittura all’imbarazzante.
E’ quasi una sofferenza, per cui, trascinarsi fuori da un pantano del genere, e vedere il povero German prodigarsi tanto per un -17 (70-53 al 28’, 78-61 al 30’) mentre Bastoni (…) deposita solo soletto da 1 millimetro e McCray, tripla inutile a parte, continua a prendersi schiaffoni in testa da Sambugaro.
Resterebbe giusto l’onore, quello che i 100 tifosi venuti da Rimini continuano a tenere alto nonostante la debacle: il misero 5-0 biancorosso è sepolto da un’altra sentenza di Ryan (4/7 lui, 5/8 Sambugaro), anche se poi Zanchi ci vuol pensare su dopo un paio di contropiedi Crabs (87-73 al 34’).
Un De Pol versione bomber, però, in un attimo fa tremare tutto il PalaTriccoli: il suo 8-0 manda un po’ in ambasce i titolisti, anche perché sul confetto di Goss Rimini si ritrova a meno 6 (89-83) a 4 dalla fine con un match da giocare: un po’ tardi, direte voi. Si, aggiungiamo noi, perché nonostante le triple fuori di Scarone, Rinaldi torna a meno 4 (91-87 a 1’30”) prima dell’assurdità del signor Terranova, che vede un inesistente fallo di Tommy su San Maggioli e poi gli fischia pure un tecnico contro. E’ la resa, la strana caduta al fotofinish in un match che comunque non si sarebbe meritato di vincere. Perché 10 minuti su 30 non bastano nemmeno alla Playstation.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.