Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

E’ vero, la cura Mihajlovic si sta vedendo: 3 punti in tre partite, emorragia tappata, ma la ripartenza che ci si attendeva ieri con il Palermo si è fermata al 91’, sulla mezza rovesciata di Succi. Certo, un’eventuale vittoria non avrebbe risolto i problemi, ma avrebbe sicuramente risollevato un morale che è tornato sotto i tacchi. Anche perché se è vero che ai rossoblu non si può imputare di mettere tutto quanto possono, dall’impegno all’amore per la maglia, dall’ardore agonistico alle diverse soluzioni tattiche, bisogna pure pensare che divengono oramai cronici i limiti tecnici dettati da un mercato estivo basato non sulle necessità ma sul risparmio, tanto che pure l’arrivo di Bernacci oramai viene ricondotto al fatto che la spesa era spalmabile in tre anni più che per il valore del giocatore.
A questo punto, però, bisogna stringere i denti, perché prima di gennaio si potrà fare quasi nulla, se non proprio niente niente, e dunque è fondamentale portare a casa almeno quattro-cinque punti nelle prossime quattro partite, di cui, però, tre in trasferta, prima della riapertura del mercato e contro Reggina, Torino e Lecce si tratta di vere e proprie sfide salvezza.
Tutti oramai hanno capito che Bologna e Chievo sono le squadre più deboli del torneo e che difficilmente riescono a produrre incontri di alto spessore, nello stesso momento bisogna pure dire che il Bologna qualche miglioramento lo ha fatto e con il rientro di Amoroso e Lavecchia, Mihajlovic potrà avere qualche arma tattica e agonistica in più.
Sul mercato si è raffreddata la pista Mutarelli e lo sarà fino a quando non si saprà qualcosa di certo sulla sua tesserabilità immediata, mentre sembra tutto fatto per l’arrivo a gennaio di Dacourt, così come sembra che il Bologna sia molto avanti anche per Rivas, due giocatori di qualità, che uniti all’arrivo di un attaccante che possa aiutare Di Vaio, potrebbero dare una bella sferzata al campionato rossoblu. Ma come sempre quando gli assenti o chi deve arrivare è il migliore in campo, è un segnale poco positivo.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.