Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

COME IN UN FILM giallo la sorpresa è alla fine. D’accordo, siamo solo alla fine del girone d’andata — pellicola solo a metà — ma il ribaltone che è andato in scena ieri, anche in chiave final four, è clamoroso.
La prima della classe? Non è Varese, che cade nel posticipo a Veroli, non poteva essere nemmeno la solita Jesi, inciampata nell’anticipo e nella verve di Pavia. La prima della classe è la Trenkwalder Reggio Emilia che approfitta delle cadute altrui, dopo aver dovuto fronteggiare una disgrazia (sportivamente parlando) vera: l’infortunio al gioiello Melli.
Vince Reggio Emilia che conquista così il primo posto al termine del girone d’andata. Se avesse avuto un nuovo palazzetto Reggio avrebbe anche avanzato la candidatura per ospitare la final four. Per ora, qualificate oltre a Reggio, Cimberio, Veroli e Soresina, c’è stato solo un timido tentativo di Varese. Ma ci sarà tempo fino a lunedì prossimo per presentare la candidatura per ospitare una kermesse che in fondo, un anno fa, portò pure fortuna alla Carife Ferrara.
VINCE REGGIO Emilia che praticamente si affida a soli cinque uomini — torna a brillare l’estro di Carra — ai quali bisogna aggiungere Ancellotti e Defant.
Se Reggio sorride non può passare inosservato il successo di Rimini. I «Granchi» si sono trasformati dopo l’arrivo di Giancarlo Sacco. Uno che continua a spremere il meglio da German Scarone, ma pure da Mauro Pinton e Tommy Rinaldi (10 punti e 5 rimbalzi). Bella storia quella di Sacco, che sembrava sparito di scena: è tornato e subito ha rimesso le cose a posto in Romagna.
Tra color che festeggiano anche Soresina che alla fine la spunta con Casale, alla quale non bastano il solito Fantoni (14) e l’ottimo Formenti (11). Torna a volare Roseto che espugna il campo di Pistoia (Infanti 15 punti, ma i toscani sono ultimi in classifica) e riprende a sperare anche Venezia che la spunta in casa con il Banco di Sardegna Sassari.
NON CE LA FA Imola: l’Aget ha un buon Canavesi (13) il solito Bunn (28 e 12 rimbalzi), ma Brindisi può contare sulla coppia Hatten-Killingsworth. Varese, infine, nel posticipo: cade a Veroli. Sono 14 i punti di Gatto, 13 quelli di Mian. I 16 di Galanda e i 10 di Martinoni questa volta non bastano.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.