Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Maggioranza in Regione nuovamente spaccata nel corso del dibattito sulla richiesta di una revisione della riclassificazione sismica per i territori dell’Emilia colpiti dai terremoti del 20 e del 29 maggio dello scorso anno.

Il Governo, poiché è a livello nazionale che vengono determinati i criteri di ripartizione, è convinto che quella parte della regione debba rimanere di classe 3 (ovvero una zona a basso rischio sismico), perché -nella pratica- sarebbe più semplice dal punto di vista della burocrazia e costerebbe meno ottenere i permessi per la costruzione e per la ristrutturazione degli edifici.
Allo stesso tempo, però, questa classificazione lascerebbe l’Emilia-Romagna fuori dal gruppo delle regioni i cui cittadini potrebbero beneficiare del cosiddetto Ecobonus, ovvero delle agevolazioni fiscali pari al 65% per gli interventi di rafforzamento della propria abitazione in termini di antisismica.

Il primo partito a gridare allo scandalo era stato la Lega Nord, che nonostante la minaccia di un intervento da parte delle forze dell’ordine ventilata dalla Presidente dell’Assemblea Legislativa Palma Costi, fin dalla seduta della mattina ha tenuto fede alla sua intenzione di interrompere i lavori del Consiglio con un’occupazione dell’aula.

(Nel servizio, l’intervista a Mauro Manfredini, Consigliere regionale della Lega Nord)

E con l’avvicinarsi del dibattito in Assemblea, alla posizione della Lega si sono progressivamente affiancate anche diverse forze del gruppo di maggioranza: la Federazione della Sinistra, l’Italia dei Valori, ma soprattutto Sinistra Ecologia Libertà, che si è spinta ancora più in avanti depositando un’interrogazione sull’argomento.

(Nel servizio, l’intervista a Gian Guido Naldi, Consigliere regionale di Sinistra Ecologia Libertà)

Da parte sua, la Regione punta a portare a casa un provvedimento che vada oltre l’Ecobonus, norma che -secondo viale Aldo Moro- corre fra l’altro il rischio di rimanere in vigore solamente per pochi mesi.

(Nel servizio, l’intervista a Paola Gazzolo, Assessore alla Protezione civile della Regione Emilia-Romagna)

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_terremoto_20130910.mp4
Categoria: Cronaca
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.