Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

«La trasferta di Frosinone, contro la Prima Veroli, ci dirà di che stoffa è fatta la nostra squadra». Ivan Paterlini, vicepresidente della Pallacanestro Reggiana, non va mai per il sottile. E’ il primo (o secondo) tifoso della Trenkwalder ed è senza ombra di dubbio il più entusiasta sugli spalti quando le cose girano al meglio per la Marcelletti-band ma se qualcosa non va non si nasconde dietro un dito: critiche e complimenti sgorgano spontanei ed istintivi.
«Io sono soddisfatto dello spettacolo che i ragazzi hanno proposto nelle due gare interne», giura Paterlini. «Padroni del campo con il Venezia, sicuri e concreti col Soresina. Ed anche se qualcuno non è sembrato nelle condizioni più brillanti, leggi Fultz, c’è stato chi ha compensato immediatamente. Abbiamo rincalzi per tutte le situazioni, specie per i piccoli e questo fa ben sperare».
A Pavia c’è stato però un inatteso capitombolo.
«Ci sta a perdere una gara, ora sono curioso di verificare se è stato un episodio o dobbiamo farci l’abitudine. In trasferta non è mai facile vincere e non possiamo pensare di saltare yutti gli ostacoli. Prima di giudicare, aspettiamo la gara col Veroli che reputo molto indicativa».
Con il Soresina oltre a Fultz qualche altro uomo non ha reso al massimo.
«Per favore, non facciamo processi preventivi. Se vi riferite a Luca Infante e Nicolò Melli, beh, ci sono tutte le spiegazioni possibili. Penso dipenda dal fatto che entrambi sono in lieve ritardo di preparazione. Tutta colpa di qualche malanno e degli impegni sostenuti con la Nazionale. Tutti e due non hanno potuto riposare e rispettare la tabella di marcia del resto della squadra. Ecco perchè il loro passo è leggermente diverso dai compagni. Ma questi giocatori sono il simbolo di una formazione d’alto livello e di grandi prospettive».
A proposito: le due vittorie casalinghe sono un viatico sufficiente?
«Assolutamente. E spero proprio di non essere smentito domenica a Frosinone. Ecco perché dicevo, all’inizio, che questa sarà l’occasione per verificare se quello stop è stato un episodio o se dobbiamo aspettarci altre sgradite sorprese».

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.