Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

LA DEFINITIVA esplosione di Nicolò Melli è un po’ come il temutissimo“Big One”: solo una questione di tempo, ma arriverà. I primi scossoni il bimbo prodigio li ha dati in quella maledetta gara 4 a Jesi, poi un’estate fitta di impegni ed ecco, subdola, una fastidiosa tendinite. Fortunatamente il suo ritorno, ora, sembra davvero ad un passo.
Salve Melli, come sta?
«Bene, il dottor Rocchi mi ha detto che il ginocchio è migliorato notevolmente, adesso non so ancora i tempi esatti, ma siamo vicini al rientro in gruppo».
Lo staff ci ha parlato di lunedì prossimo…
«Si, credo anch’io. Giorno più giorno meno dovrebbe essere all’inizio della prossima settimana».
Si vede la luce in fondo al tunnel…
«Beh, parlare di tunnel mi sembra esagerato, però sicuramente è un ottima notizia e non vedo l’ora di tornare in campo. Certe volte mentre facevo pesi mi fermavo pa guardare i miei compagni, appena si poteva ero il primo ad entrare a fare tiro: sto scalpitando!».
Ha avuto paura di finire sotto i ferri?
«No, questo mai. I medici mi hanno sempre rassicurato. Non ero preoccupato, anche perché credo che con i tanti impegni degli ultimi anni una cosa del genere potesse pure capitare».
Quando rivedremo Melli al 100%?
«Non so, ma non sono mai stato completamente fermo. Ovvio che debba fare il “fiato” e costruire l’intesa con la squadra, ma farò di tutto per essere al massimo già il 5 ottobre (giorno dell’esordio casalingo con Venezia, ndr)»..
Il suo “gemello” Campani, invece, si è purtroppo dovuto operare. L’ha sentito?
«Certo, tutti i giorni, altrimenti che gemelli saremmo scusate? Mi sembra contento di essersi operato, si è tolto un peso che lo ha sostanzialmente costretto a buttare via l’ultimo anno. Gli faccio un grande in bocca al lupo».
Dopo aver visto la squadra all’opera, ci dica: com’è questa Trenkwalder?
«Mi chiede se è più forte dello scorso anno?».
Anche…
«Sì, è sicuramente più forte: come individualità il livello è cresciuto, ci sono più giocatori con diversi punti nelle mani. Detto ciò, bisognerà vedere che intesa riusciremo a trovare».
A quando la prossima versione di greco?
«Spero il più tardi possibile! A Marzo non andrebbe male…».

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.