Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

LUCA CAMPANI e Nic Melli come Zlatan Ibrahimovic? A livello di talento ci siamo molto vicini, seppur in sport differenti. A livello di prospettive indubbiamente, si tratta di due elementi che possono arrivare al top del loro sport. Purtroppo anche a livello sanitario il tipo di patologia che ha colpito i biancorossi è la medesima della stella neroazzurra. Ovviamente la speranza è che i tempi di recupero siano largamente differenti degli uni rispetto all’altro.
.La visita
.Dal Dott. Rocchi
..Campani., .Melli. e .Heinrich. sono stati visitati ieri mattina dal Dott. Rodolfo Rocchi in quel di , ortopedico di fiducia della società di Via Martiri della Bettola in quel di Correggio. Il responso è quello riportato sul sito di Pallacanestro Reggiana ed è il seguente: «Luca Campani, Chris Heinrich e Nicolò Melli sono stati visitati questa mattina dal Dott. Rodolfo Rocchi a Correggio. Melli e Campani proseguiranno il lavoro differenziato e le terapie presso il Medical Center fino al 31 agosto; verranno quindi rivalutati il 1° settembre sempre dal Dott. Rocchi e dal Dott. Giovanbattista Camurri per concordare un progressivo reinserimento all’interno della prima squadra. Confermata anche la diagnosi per Chris Heinrich che sosterrà un nuovo esame radiologico il 5 settembre per valutare la possibilità di un suo graduale rientro in gruppo».
.Heinrich
.Tornerà a Castelnovo
.La situazione del centro americano e di passaporto tedesco è di semplice decifrazione. Ha un alluce fratturato calciando un sasso mentre correva a casa sua negli .States.. E’ già trascorsa una settimana dall’infortunio; con le terapie corrette e con il riposo, il centrone potrà riprendere una normale attività agonistica già nei primi giorni di ritiro. Certo è che l’assenza non potrà essere inferiore ai 15, 18 giorni.
.Melli e Campani
.Situazione in divenire
.Merita maggiore attenzione ed un piccolo approfondimento la situazione di Luca Campani e Nicolò Melli. I due ragazzi soffrono di una tendinopatia sotto il tendine rotuleo del ginocchio. La verità è che la migliore medicina per curare questo tipo di patologie sarebbe il riposo. Mentale e fisico. Per varie e comprensibili ragioni i due ragazzi hanno avuto veramente pochissimo tempo per staccare la spina e ricaricarsi, tra convocazioni in Nazionale, camps e tornei vari. I due ragazzi si sono quindi presentati alla ripresa degli allenamenti con questo tipo di sofferenza. I due si sottoporanno ad un ciclo di terapie adeguate, dosi di fisioterapia, propiocettiva, posture e quant’altro. Tra due settimane i ragazzi torneranno sotto le benevole “grinfie” del Dott. Rocchi e del Dott. Camurri e si rifarà il punto della situazione. La buona notizia è che per quanto riguarda Campani è stata immediatamente scongiurata l’ipotesi di un intervento chirurgico. Il rischio, reale, e da non sottovalutarsi assolutamente, è che questa tendinite, estremamente subdola, ricompaia quando uno meno se lo aspetta, eventualmente nel momento in cui si dovrà “caricare” col lavoro. Il rischio è quello di disputare un’annata a singhiozzo. L’auspicio da parte di tutti è che vi sia il buon senso necessario per non mettere a rischio la salute fisica di due dei più grandi talenti che il basket reggiano ha saputo produrre in questi anni.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.