Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Prima uscita stagionale per la nuova Trenkwalder davanti ai propri tifosi che sono accorsi numerosi. A tenerla a battesimo la Fortitudo, squadra che si è confermata decisamente di altra categoria. A rendere ancora più difficile il test – soprattutto per trarre indicazioni – ci sono state le numerose assenze, compresa quella dell’ultimo minuto di Fultz. Il tecnico biancorosso Franco Marcelletti ha comunque colto alcuni «segnali» da questa prima amichevole.
«Mi è piaciuta – spiega il coach – la reazione che abbiamo avuto nel terzo quarto. Dopo aver subìto nella seconda frazione la grande forza fisica della Fortitudo, ci siamo scossi e siamo cresciuti. Mi fa piacere che i giocatori si siano impegnati al massimo. E’ l’atteggiamento giusto per il campionato».
Come le è sembrata la difesa?
«Ci mancavano ben tre lunghi. In queste condizioni era difficile fare buoni aiuti e recuperi. Loro hanno esterni molto abili come Forte e Lamma, tutti bravi a trovare l’uomo libero per un tiro»
Quindi per il futuro è ottimista?
«Si, con il rientro degli assenti miglioreremo sicuramente».
Ha dato molto spazio a Defant e Ancellotti. Le sono piaciuti?
«Si, hanno giocato bene. Si sono meritati i minuti che gli ho dato. Gli ho detto però di essere più intraprendenti, prendersi più iniziative».
Molti gli assenti: pensate di tornare sul mercato?
«Dobbiamo valutare molte cose. Innanzitutto capire l’entità dei problemi di Melli. In più se i giovani continuano a crescere potremmo decidere di puntare su di loro. Heinrich e Infante dovrebbero tornare tra poco, quindi la situazione dovrebbe migliorare».
Quindi per i ragazzi ci potrebbero essere concrete possibilità di trovare spazi importanti?
«Dipende da loro. Se lavoreranno bene e mi dimostreranno di meritarlo, io non ho problemi a lanciarli. L’assenza di tanti titolari per loro è una grande occasione per mettersi in mostra».
Come vede l’immediato futuro?
«Bene. Non voglio più sentir dire che abbiamo troppi giocatori. Per un campionato lungo come il nostro, ci servono tutti».

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.