Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La Spal travolge il Ravenna con un perentorio 3 a 1. Giallorossi praticamente mai in partita, ed al pronti via, Spal subito in vantaggio. E’ il quarto minuto quando Bracaletti indovina una traiettoria su cui Rossi, fuori posizione, non può fare nulla. Spal sempre padrona del gioco, il Ravenna anche se in svantaggio non abbozza alcuna reazione, così al 24′ la Spal raddoppia. Arma viene liberato davanti a Rossi e lo batte con un preciso pallonetto. Il primo tempo finisce praticamente qui, nel secondo tempo invece il Ravenna inizia con un piglio diverso mettendo in difficoltà la Spal, così al terzo minuto Cavagna sigla il 2 a 1. Passano sette minuti ed al 10′ Arma triplica, Rossi goffamente sbaglia il rinvio, invece che servire Pivotto serve Arma che insacca facilmente alla sua sinistra.

RAVENNA

Il tecnico del Ravenna, Giancluca Atzori: “Dispiace molto aver perso, anche perché so che la tifoseria ci teneva. I ragazzi sono molto delusi, e io lo sono ancora più. Abbiamo giocato veramente molto ma molto male, il goal a freddo sicuramente non ci ha aiutato. Dobbiamo lavorare ancora molto, ma non capisco cosa succede ai ragazzi, durante la settimana lavorano bene e fanno quello che gli chiedo, alla domenica li vedo molli, scarichi, e sbagliano anche la cose più elementari. I ragazzi sembrano frenati, giocano tutti o quasi al di sotto delle loro possibilità, diversi non sono assolutamente in condizione. Volevo spendere due parole per Rossi. Il nostro portiere non deve buttarsi giù di morale, sono cose succedono, deve andare avanti ed archiviare questo errore”.

Il centrocampista del Ravenna, Ivano Trotta: “Purtroppo sono saltati tutti i piani con il loro goal nei primi minuti. La Spal è una buona squadra e ci ha messo molto in difficoltà. Nel primo tempo abbiamo effettivamente giocato molto male, ma nel secondo siamo scesi molto più grintosi e convinti, difatti abbiamo trovato subito il goal, e credo che avremo rimesso in piedi la partita se la Spal non avesse trovato il terzo goal. Ho sentito i cori dei tifosi che ci chiedevano di tirare fuori le palle: noi le palle le abbiamo, e le tiriamo fuori sempre, ma non in tutte le partite le cose vanno come dovrebbero”.

Il presidente del Ravenna, Gianni Fabbri: “Abbiamo molti giocatori che definirei da B, che prendono compensi da B, giocatori con tanta esperienza, quindi non capisco come possano giocare in questa maniera. E’ una situazione inaccettabile. Sembra quasi che abbiamo paura di giocare, di sbagliare. Sono sempre in ritardo, mai un anticipo, abbiamo giocato circa come contro il Cesena, ma oggi la fortuna non ci ha aiutato ed abbiamo giustamente perso. C’è qualcosa a livello psicologico che non quadra, e dire che in settimana durante gli allenamenti li vedo tonici, motivati e vedo movimenti che poi in partita non fanno. Abbiamo preso tre goal da squadra di Eccellenza, senza offesa per chi in Eccellenza ci gioca, ma noi siamo in serie C, certi errori non possono essere fatti”.

SPAL

Il tecnico della Spal, Aldo Dolcetti: “E’ facile commentare dopo una partita giocata in questo modo. Abbiamo fatto un ottimo lavoro in settimana ed i ragazzi oggi hanno fatto tutto quello che in settimana era stato provato. Siamo stati bravi e fortunati a sbloccare subito il risultato, dopo la partita è effettivamente stata in discesa. Nel secondo tempo sapevamo che il Ravenna sarebbe rientrato con un piglio diverso, così è stato e difatti nei primi minuti, goal a parte, ci hanno messo in difficoltà, siamo stati poi bravi noi a triplicare e la partita praticamente è finita li. Obiettivi per questa stagione? Qui è tutto nuovo, società, mister e molti giocatori, questo deve essere un campionato tranquillo di costruzione per un qualcosa di più importante nelle prossime stagioni”.

Il centrocampista della Spal, Andrea Bracaletti: “Non potevo chiedere altro da questa partita. Penso di aver giocato bene. Il goal? Il tiro così è stato voluto e cercato, ho visto Rossi un po’ fuori dai pali e quello era l’unica maniera per batterlo, ho avuto tempo di guardare e tirare, cosa che spesso non accade al limite dell’area. Sono contento per noi e per i nostri tifosi di questa vittoria nel derby. Siamo stati aggressivi durante tutto l’arco del match, per controbattere la tecnica del Ravenna”.

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.