Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Un vero e proprio bagno di folla ha accolto la nuova Virtus nel giorno del suo raduno. Al CRB erano presenti quasi 500 tifosi che hanno accolto una squadra quasi al completo. C’erano patron Sabatini, coach Pasquali col suo staff (Phil Melillo e Christian Fedrigo gli assistenti) e poi tutti i giocatori tranne due. Assente annunciato Earl Boykins, e ovviamente il cambio del playmaker che deve essere ancora firmato. Gigi Terrieri ha quindi presentato Giovannoni, Blizzard, Chiacig, Righetti, Langford, Ford, Arnold e Vukcevic, oltre ai vari giovani che di volta in volta saranno 11° e 12° uomo. C’erano anche Lestini e Barlera, che non faranno parte della squadra.

Prima del raduno, l’head coach Renato Pasquali ha parlato alla stampa. Ecco le sue parole
”Sono felice e orgoglioso di vedere molta gente a questa prima conferenza stampa. Non me l’aspettavo e mi fa tanto piacere.
Ringrazio la società perchè ha fatto degli sforzi per fare una squadra competitiva. Ringrazio Claudio Sabatini e Andrea Luchi; abbiamo operato sul mercato per costruire una squadra logica, che possa far bene in Italia e nella competizione europea. Abbiamo messo insieme tanti buoni giocatori, ora bisogna costruire una buona squadra. Essere una squadra sarà il nostro primo compito, a quel punto potremo parlare di obiettivi per la stagione.
Come tipo di gioco, ci piacerebbe un gioco vincente, che piaccia al pubblico, ma soprattutto un gioco che si adatti alle caratteristiche dei giocatori. Cercheremo di avere una nostra identità, i giocatori si devono considerare buoni giocatori all’ìnterno del sistema, non da soli. Se così sarà, la squadra potrà essere una squadra di vertice nel campionato italiano, tenendo conto anche degli avversari. Sicuramente non vinceremo tutte le partite, ma dovremo impegnarci a fondo in ogni partita e in palestra, per dare il massimo possibile. Altri obiettivi per il momento non ce li mettiamo, anche se sappiamo benissimo che la piazza è esigente e competitiva.
Nessun giocatore è arrivato qui per caso, dietro a ognuno c’è stata una strategia. Per il play abbiamo provato con i migliori 8 europei, ma tutti hanno rifiutato anche cifre molto alte perchè non facciamo l’Eurolega. A questo punto abbiamo sondato il mercato dei free-agent, e il migliore secondo noi era Boykins. La trattativa è stata difficile, ma la caparbietà della società è stata premiata. Questo vale per tutti gli altri giocatori, abbiamo scelto quelli che si potranno adattare meglio al nostro gioco. Ci sono giocatori che possono giocare a Bologna alla Virtus, e altri che potrebbero, con forte rischio. Abbiamo scelto solo giocatori del primo tipo, che per classe esperienza e carisma possano giocare bene qui. Giocatori di personalità, di gente che non ha paura di prendersi le proprie responsabilità. Non credo che avremo problemi per decidere chi deve prendersi l’ultimo tiro, anzi dovremo tirare la monetina.
Abbiamo anche scelto giocatori che possono giocare più ruoli. Ad esempio nel ruolo di play abbiamo Boykins, il cambio che arriverà nei prossimi giorni, e anche Langford, Blizzard e Vukcevic possono giocare qualche minuto da play.
A Boykins ho detto che si aspetti per ogni partita una battaglia, perchè tutti vorranno fare bella figura contro di lui.
La perdita di Bynum ci ha tolto un giocatore molto forte uno contro uno e in penetrazione, ideale per armare i nostri tiratori. Perso lui siamo andati su Langford perchè ha caratteristiche simili.
I giocatori più importanti? Sicuramente l’asse play-pivot. In linea teorica abbiamo preso tutto quello che ci serve. Arnold e Vukcevic hanno esperienza di altissimo livello, potranno anche aiutare i giocatori più giovani.
La coppa? Non è così male come appare, anche perchè arriveranno 16 squadre dall’ULEB, e mi servirà per gestire bene tanti giocatori così forti.
I giocatori han parlato di squadra migliore di quella arrivata in finale scudetto? Mi fa piacere che abbiano obiettivi così ambiziosi. Io ho letto, ho ritagliato gli articoli e li farò leggere ai giocatori se non si alleneranno bene. Io non mi tiro di certo indietro, mi auguro non lo facciano nemmeno loro”.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.