Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

SI RICOMINCIA, a quasi quattro mesi dalla notte di Fabriano e con il ricordo ancora vivo di un sogno realizzato. Quel 14 aprile è nella storia ed oggi, a quattro mesi da quella data, il Basket Club si raduna per ricominciare l’avventura e tuffarsi nella serie A. Mesi di polemiche sul caso Palasegest e il rischio che, raggiunto il gradino più alto, il basket di alto livello potesse lasciare Ferrara, non hanno attenuato passione e attenzione nei confronti della società presieduta da Roberto Mascellani. E oggi, c’è da scommetterci, saranno in tanti, giovani e non, tifosi, appassionati ed amici, a salutare l’inizio dell’attività dei bianconeri. Non cambia lo scenario, il centro Kleb di via Liuzzo, dove alle 18, dopo essersi ritrovati alle 15 al palasport per i primi test atletici, i giocatori saranno presentati a tifosi, autorità e media. Mancheranno tre americani su quattro (presente il solo Riley) e Valerio Mazzola, ancora alle prese con i campionati europei under 20 a Riga, per cui la pattuglia bianconera sarà arricchita da un numero cospicuo di giovani del vivaio.
Si tratta di Giovanni Agusto (’88), Marco Bani (’89), Alberto Ferrari (’89), Matteo Seravalli (’91), Diego del Principe (’91), Nicola Zocca (’91), Filippo Mardegan (’92) e Francesco Brandani (’93), a loro il compito di essere di aiuto alla preparazione dei senatori e di non far scendere l’intensità degli allenamenti in palestra, non appena verranno chiamati in causa.
E’ ARRIVATO MYKAL RILEY. Intanto ieri, un po’ stordito per tanta attenzione e con il fuso orario ancora da smaltire, si è presentato a Ferrara Mykal Riley, il «rookie» uscito dal college di Alabama, dove viaggiava ad oltre quindici punti e cinque rimbalzi a partita.
Messosi in luce alle Summer League con la maglia dei Golden State Warriors di Marco Belinelli, Riley ha subito colpito Giorgio Valli per le sue lunghe leve (197 centimetri) e per la sua capacità di saper fare più cose ed in più ruoli, oltre a tirare dai 6,25 con un ragguardevole 43%.
Quasi concittadino di Bill Clinton (la città di Pine Bluff è vicina a Little Rock, città natale dell’ex presidente degli Stati Uniti), su Ferrara Mykal si è già informato.
«Ho visto su internet tante belle foto su questa città — raccontava ieri al suo arrivo — e raccolto tante informazioni sul vostro ottimo cibo. Devo farvi soltanto un appunto: queste biciclette girano un po’ troppo in mezzo alla strada…».
Battute a parte, oggi incontrerà Giorgio Valli, con cui ha parlato a lungo negli Stati Uniti.
«Ho tanta voglia di cominciare e di calarmi in questa nuova reatà — continua —: dopo le Summer League sono rimasto a Pine Bluf con la mia famiglia a riposarmi ed a prepararmi per questa stagione».
IL PRECAMPIONATO.
Il precampionato della Carife inizierà giovedì 28 agosto al Flaminio di Rimini per un test con la Coopsette. Poi, test al Palasegest lunedì 1 settembre con la Carmatic Pistoia, altra avversaria di Legadue.
Giovedì 4 settembre, test a Castel San Pietro con il Banco Sardegna Sassari di Demis Cavina, mentre il primo impatto con la serie A ci sarà il 6 e 7 settembre, al torneo di Varallo Sesia (Vercelli) con Cantù, Biella e Capo d’Orlando.
Mercoledì 10 settembre amichevole a Montegranaro con la Premiata di Alex Finelli, sabato 13 e domenica 14 a Veroli ci sarà il consueto «Memorial Zeppieri», con i padroni di casa, Caserta e Rieti. Mercoledì 17 scrimmage al paladozza con la Fortitudo Upim Bologna, prima del «Trofeo Naturhouse» del 19 settembre, con il Cska Mosca. Chiuderà il precampionato il torneo di Capo d’Orlando, il 27 e 28 settembre, con i padroni di casa, Napoli ed i cechi del Nymburk.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.