Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Evidentemente i mali della Virtus erano stati solamente messi sotto al tappeto, come fanno certe casalinghe inefficienti che invece che raccogliere la polvere la infilano appunto sotto a qualche pedana. Se le vittorie di Istanbul e di domenica contro Milano avevano fatto riaffiorare il sorriso in casa bianconera, la squadra ha invece scelto la serata peggiore, quella di ieri, per mostrare nuovamente la propria faccia imprecisa ed inadatta. La peggior serata possibile, dicevamo, perché a questo punto, dopo l’inopinata sconfitta di ieri sera contro i tedeschi dell’Oldenburg, il cammino europeo delle V nere diventa improvvisamente in salita, e che salita. Se la vittoria sul campo del Galatasaray, ottenuta solamente 7 giorni fa, aveva messo i bianconeri in pole position nel girone di Eurochallenge, lo scivolone di ieri ha ribaltato pesantemente le cose. Ieri, oltretutto, Kiev ha surclassato Istanbul con un perentorio +33, e a questo punto la favorita del girone è lei, altro che la Virtus. Virtus che ieri, a questo punto va detto, ha compiuto un grosso errore di sottovalutazione dell’avversario, che, lo dicevamo già ieri, tutto era tranne che una squadra di pellegrini: ma, evidentemente, una cosa sono le parole, una cosa sono le buone intenzioni, altro è invece l’atteggiamento che si sbatte in campo. Se quello delle V nere sarà quello di ieri sera, altri magoni dovranno arrivare. Stando attenti già dalla partita di sabato ad Udine, in casa di una Snaidero affamata ed in forma. Test peggiore, ora, non ci poteva essere.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.