Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Dopo l’appello della presidente Francesca menarini per una grande affluenza domenica allo stadio, grazie anche ad una politica dei prezzi che dovrebbe vedere ingressi anche a 5 e 10 euro, la tifoseria si sta organizzando per rendere indimenticabile la partita di domenica con il Lecce, che a tre partite dalla fine del campionato diventa tappa fondamentale per raggiungere l’obiettivo della stagione, la permanenza in serie A. La coreografia vorrebbe coinvolgere tutto lo stadio e dunque le grandi manovre sono già iniziate, così come nel pomeriggio ha ripreso Papadopulo gli allenamenti con tutta la squadra.
Nessun ritiro durante la settimana ma allenamenti a porte chiuse eccetto la partitella di giovedì pomeriggio. Dunque il Bologna vuole lavorare con la dovuta serenità ma con il calore che può garantire il pubblico rossoblù, un caldo abbraccio che dopo la grinta mostrata all’Olimpico di Torino sarà ancora più forte domenica al Dall’Ara.
Dal punto di vista tecnico c’è curiosità di capire se la buona condizione mostrata da Osvaldo gli garantirà una maglia da titolare, tenuto conto che ci sarà il ritorno di Mingazzini e Mutarelli, ma questa è per forza una partita di vincere e difficilmente Papadopulo farà a meno dell’italo argentino, il cui ingresso, domenica, ha cambiato il volto della squadra.
Per gli altri ruoli probabile la conferma in blocco della difesa, con terzi a sinistra, mentre a centrocampo qualche pedina potrebbe essere modificata, specie potendo avere a disposizione due centrali in più. Probabile che Osvaldo parta da esterno di sinistra del 4-5-1, che in fase offensiva diventa un 4-3-3, dunque con Di Vaio un po’ meno solo di quanto visto nel primo tempo di Torino.
Intanto è sembrata davvero coraggiosa l’uscita dagli schemi che ieri ha portato il geometra Menarini a scagliarsi contro la direzione di gara di Morganti. Ha lasciato il suo solito aplomb per una richiesta di rispetto, con la speranza di non avere con il Lecce qualcosa di più, ma la garanzia che la corsa alla salvezza venga tutelata da decisioni cervellotiche come quella del rigore concesso domenica al Torino.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.