Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Ancora una volta al Rimini sono fatali i minuti finali e le solite disattenzione. Il pareggio casalingo di sabato scorso contro il Bari per 1-1, per dinamica e copione, pare quasi la fotocopia di quello di due settimane fa ad Ascoli, dove le recriminazioni la fecero da padrone.
Contro i baresi, si vede un ottimo Rimini nel primo tempo capace di andare vicino alla rete in diverse occasioni mostrando un buon gioco e un gran collettivo. Lo scatenato Vantaggiato ex di turno è il migliore dei suoi rendendosi pericoloso in due occasioni, trovando sulla sua strada un attento Gillet. Nella ripresa la musica non cambia anche se tra i romagnoli a segnalarsi è Catacchini che ingenuamente calcia via il pallone a gioco fermo rimediando il secondo giallo e lasciando così i suoi in dieci uomini.
Gli sforzi del Rimini vengono però premiati alla mezzora con Vantaggiato, caparbio nel rubare palla a Masiello e ad insaccare. Dopo essersi divorati il raddoppio con La Camera, arriva però il gol beffa. A cinque minuti dal triplice fischio Caputo trova il pareggio per il Bari facendo crollare il morale e i sogni di gloria degli avversari.
Passando in Prima Divisione la Romagna calcistica ha vissuto una giornata dai due volti. In piena crisi di risultati e dopo una settimana in cui la panchina di Atzori ha iniziato a traballare pericolosamente e i giocatori costretti al ritiro punitivo, il Ravenna zittisce tutto e tutti regolando la Cremonese per 3-1.
I giallorossi hanno attaccato a testa bassa sin dal primo minuto, trovando il vantaggio con Sabato al termine del primo tempo. Neanche il pareggio di Gori per i lombardi ha destabilizzato l’ambiente romagnoli, perché Zizzari e Pettinari hanno poi chiuso i giochi ottenendo tre punti pesantissimi.
Commette un pesantissimo passo falso invece il Cesena che cade sul campo del derelitto Venezia per 2-1. Ancora una volta i bianconeri sono parsi una sorta di ricostituente per le squadre di bassa classifica, era già capitato con la Pro Sesto, riportando il Venezia alla vittoria dopo tempo immemorabile. Sotto di due reti a metà ripresa a causa della doppietta di Momentè, l’unico acuto romagnolo è stato il gol di Motta nei minuti di recupero. Con questo ko la vittoria in trasferta, che manca dal febbraio 2007, continua ad essere un tabù.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.