Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

UNA STAGIONE a Imola per crescere e migliorarsi. è questo l’obiettivo stagionale di Federico Pugi, la nuova ala piccola titolare dell’Andrea Costa 2008/2009, che ieri è stato ufficialmente presentato alla stampa e ai tifosi.
«Sono molto contento di essere arrivato qui ad Imola — ha detto Pugi durante la presentazione — e spero di poter fare delle buone cose qui». Per averlo la dirigenza biancorossa ha dovuto rivaleggiare con altre società interessate all’ala proveniente da Reggio Emilia; in particolare di Pavia (ma su di lui c’era anche Livorno), che gli aveva fatto una corte serrata già durante la Summer League imolese.
ALLA FINE però la scelta è caduta sull’Aget, con cui questo ragazzo di 204 cm nato nel 1985 disputerà questa stagione in prestito, prima di tornare alla Trenkwalder, con cui è legato contrattualmente fino al 2001. «Ho voluto vedere quale offerta mi avrebbe dato l’opportunità di poter migliorare e poter stare in campo per un buon minutaggio. Inoltre la scelta di Imola mi permette di poter giocare nel mio ruolo preferito che è quello di ala piccola». Pavia, infatti, gli avrebbe offerto il ruolo di cambio dei lunghi e meno minuti in campo. Due elementi che alla fine sono risultati decisivi per la scelta fatta dal giocatore.
ANCHE l’allenatore Massimo Bianchi aveva esaltato le doti di Pugi, definendolo un importante prospetto dal punto di vista nazionale. «Ho avuto modo di parlare con il coach nel corso della trattativa — afferma Pugi — e mi ha dato la sua fiducia: questo per me è molto importante». La stagione di Legadue che è alle porte si preannuncia impegnativa, ma Pugi si dimostra ottimista sulle possibilità dell’Aget. «Guardando ai giocatori che fino a ora sono stati ingaggiati — commenta il reggiano — ci sono molti ragazzi giovani. Io vengo da una realtà, come quella di Reggio Emilia, nella quale i giovani hanno fatto la differenza. Questo prima di tutto grazie all’amalgama che si riesce a creare: quando si lavora bene poi i risultati si vedono. Tra i miei nuovi compagni conosco già Ferri, avendolo avuto come compagno di squadra in nazionale giovanile».
CHIUSURA per l’amministratore delegato biancorosso Gian Piero Domenicali. «Da parte mia — commenta Domenicali — ci tengo a ringraziare Reggio Emilia che ci ha permesso di ottenere il prestito ad un prezzo per noi accessibile. Si è soddisfatto il desiderio del ragazzo di poter giocare nel suo ruolo, quello di Reggio Emilia di farlo giocare con continuità e la nostra volontà di averlo in squadra. Sono pochi gli italiani forti nel ruolo di ‘3’ e di ‘4’, e portare Pugi a Imola è stato molto importante».

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.