Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

L’ultima pedina che rimane da inserire nello scacchiere del Bologna è una seconda punta. Tutti gli indizi portano al rumeno Grozav, ma prima di ripartire all’attacco del Petrolul bisogna sfoltire i 30 componenti della rosa. In modo particolare il collaboratore di Zanzi Adriano Polenta, a margine dell’incontro con Perez. ha fatto il punto della situazione. Per Gimenez si cercano sistemazioni in Spagna o Uruguay e lo stesso procuratore sta facendo di tutto per non tenerlo sulle spalle del Bologna. Per Abero sembra imminente la soluzione Avellino, mentre per Casarini le alternative più interessanti sono Cesena e Carpi. Alla corte di Bisoli andrebbe volentieri ma la società ha bisogno di fargli spazio per via del tetto degli ingaggi che pende sulla B, mentre Carpi è la sua città ma non ha le stesse ambizioni del Cesena. Infine Acquafresca: il giocatore ha chiesto ai rossoblù di essere ceduto per giocare con continuità ma fino a questo momento le diverse alternative non sono andate bene. Se il Livorno tornasse alla carica potrebbe essere una soluzione ottimale, ma non è da scartare l’idea che possa provare a ritagliarsi in rossoblu un po’ di spazio.
Per quanto riguarda la conferenza stampa di Perez, il tentativo di far passare due mesi di silenzio come la necessità di riposarsi e dunque di passarli con la famiglia, è stato grottesco. Perez è come sempre gentile e disponibile ma la sua difficoltà e l’imbarazzo è stato palese. Certo, ai tifosi, così come alla stampa e alla società, se ha deciso di rimanere solo perchè nessuno l’ha cercato non importa nulla. L’importante è che torni quel mastino che Bologna ha conosciuto nelle ultime stagioni, magari cercando di gestire al meglio le ultime quattro partite di qualificazione mondiali che lo porteranno al di là dell’oceano in vista della Coppa del Mondo in Brasile.
Infine, visto che in pochi lo conoscono, una considerazione su Laxalt, il ventenne uruguaiano che arriverà a Bologna per Taider. A volte è stato indicato centrocampista, a volte attaccante. I dirigenti del Bologna lo vedono come mezzala sinistra, perfetto in un centrocampo a tre ma pure adattabile come esterno nei tre dietro alla punta o come centrocampista di sinistra nel modulo attuale utilizzato da Pioli.
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/bologna_20130820.mp4

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.