Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La sala convegni Carife di via Bologna è stata il teatro della presentazione ufficiale ad autorità e media della Carife 2008/2009, che parteciperà, per la prima volta nella sua storia, al campionato di Serie A.

A fare gli onori di casa il patron Carife Alfredo Santini ed il direttore generale Gennaro Murolo. Il primo a prendere la parola, però, è stato il numero uno del Basket Club, Roberto Mascellani. “Grazie alle autorità che ci hanno onorato della loro presenza -, siamo in Serie A, i festeggiamenti da tempo si sono chiusi, adesso è arrivato il momento di cominciare la nuova avventura. Come affronteremo questa annata? All’insegna del lavoro, della continuità e del rafforzamento. Grazie a tre aziende che si sono davvero impegnate, come Cir, Sei e Segest, abbiamo rafforzato in maniera davvero importante il rapporto con Carife, siglando un importante accordo biennale di sponsorizzazione. Continua la collaborazione con il Comune: avremo la gestione del Pala Segest fino al 2012. Abbiamo aggiunto ai nostri sponsor anche Mobyt, andremo a presentare lunedì mattina un’adesione che ci lusinga ed onora: provincia e camera di commercio ci sosterranno con una campagna promozionale che consisterà nel portare sulle canotte da gara (sopra il cognome del giocatore; n.d.r.) il logo Ferrara terra e acqua. Abbiamo con molto piacere – ha continuato il “pres” -, raggiunto quota 1237 abbonati: solamente con l’affetto del pubblico prende forza l’attività sportiva. Nostro obiettivo è di mantenere la Serie A e di provare a rivincere anche la Coppa Disciplina. Non voglio commentare in alcun modo ciò che sta accadendo sulla querelle Capo d’Orlando e Napoli: dico solamente che succedono cose incredibili, noi siamo arrivati nella massima serie in un anno strano, cercheremo di fare del nostro meglio. Il Pala Segest? Bisogna superare ogni polemica e dico che stiamo collaborando bene. Non dimentichiamoci del settore giovanile (citato e ringraziato Valerio Mazzola; n.d.r.) e del minibasket. La squadra? L’abbiamo allestita nella grande continuità. Ringrazio chi non è più con noi”.

“Andrete oltre la salvezza – ha replicato il patron Carife Alfredo Santini -, a dimostrazione che Ferrara si sta muovendo anche oltre i confini cittadini”.

“Auguro al Club di continuare con i successi degli ultimi anni – le considerazioni del direttore generale dell’Istituto bancario ferrarese Gennaro Murolo -, il Club è serio, ben condotto ed organizzato. I meriti sono del presidente Mascellani, grande imprenditore e manager sportivo e del giemme Crovetti, che ha contribuito enormemente nella realizzazione del successo”.

A rappresentare il Comune l’assessore allo sport Davide Stabellini. “Grazie delle emozioni che ci avete dato. Aver mantenuto il gruppo ha prodotto un risultato storico per la città. Resterete per sempre nel cuore di Ferrara. L’obiettivo di mantenere in città la massima serie certamente non sarà facile, anche se c’è da dire che gli sforzi prodotti dal Club non sono da sottovalutare. Come amministrazione comunale ci siamo chiariti, adesso camminiamo tutti in un senso per dare alla squadra ed alla città una casa ottimale. Stiamo lavorando davvero molto seriamente. Il grande compito che avrete sarà di mantenere la massima serie. Se non ci fosse Carife, certamente avremo qualche problema in più”.

Presente anche la Provincia, con l’assessore alle Politiche e servizi per il lavoro Paola Ricci. “Faccio parte di questa presentazione con grande partecipazione. La promozione in Serie A è sicuramente un motivo di vanto per tutti. Il marchio Ferrara terra e acqua è motivo di forte promozione attraverso sport e squadra, occasione per promuovere città e provincia. Club come forte elemento di coesione, attraverso i successi, per città e provincia”.

“Il Club – ha dichiarato Mauro Giannattasio, segretario generale della camera di commercio -, rappresenta un forte veicolo di marketing territoriale. L’augurio è che possa essere ambasciatore di tutto ciò che il territorio racchiude. Club ambasciatore di un territorio di Serie A”.

“E’ importante l’idea di essere partner di un progetto – ha dichiarato il vicepresidente Paolo Bruschi -, siamo vicini al progetto e questa, per Ferrara, è un gran bella avventura, non solamente sportiva, ma anche di sistema imprenditoriale”.

“Società e squadra hanno lavorato da impresa” ha replicato l’altro vicepresidente Alvaro Orpelli.

“Non è bello non conoscere ancora calendario e numero delle compagini che parteciperanno al campionato di Serie A – le considerazioni di Giancarlo Galimberti, presidente della FIP dell’Emilia Romagna -. Se saranno sedici formazioni, il tasso di difficoltà aumenta, anche se sono convinto che il Club non abbia grandi difficoltà a conquistare la salvezza”.

“E’ bello ricominciare – le parole del coach bianconero Giorgio Valli -, abbiamo mantenuto il gruppo perché ci sentiamo coinvolti oltre l’aspetto sportivo. Sento il coinvolgimento che devo trasmettere ai ragazzi. Bisogna essere bravi, nel salto di qualità, a restare uniti. Adesso comincia il difficile, abbiamo voluto la bicicletta, bisogna che pedaliamo, anche se la strada è in salita. Cosa davvero importante è che abbiamo un gruppo di brave persone che lavorano”.

“E’ cambiato l’obiettivo ed il livello del campionato, non la mentalità e la voglia che abbiamo di vincere. Opportunità immensa per noi” le parole del capitano Daniel Farabello.

“Bisogna che cominciamo a pedalare assieme alla città – la chiusura del giemme Sandro Crovetti -, il campionato comincerà presto”.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.