Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Da oggi parte l’operazione futuro. Il Bologna guarda in casa ai tanti rinnovi, ma pensa anche ai due ruoli dove per poter utilizzare meglio Gilardino, servono rinforzi, ovvero gli esterni. Possibili un cambio di ruolo nel caso in cui alla fine Gilardino non ci fosse più, con un 4-3-3 che veda Gilardino centrale con due ali come Christodoulopoulos e Kone pronte ad offrire cross per la testa del centravanti, e magari un centrocampo con un incursore che possa arrivare da dietro.
Prima, però, è necessario capire quanti soldi serviranno per il mercato e quali saranno le pedine di scambio. Per avere Kone servono circa due milioni, così come per Gilardino. Più o meno sarà la spesa per un esterno destro che possa arrivare sul fondo, quindi è chiaro che i sei-sette milioni in uscita debbano essere rimediati da qualche parte. La valutazione da otto-nove di Diamanti include anche il rinnovo di Lazaros e un altro laterale che possa alternarsi a Morleo. SE Diamanti dovesse restare Pioli potrebbe pensare a confermare questo modulo, ma è chiaro che le pedine per fare il mercato non sono molte, da Cherubin a Taider, da Stojanovic allo stesso Morleo.
Sono giorni caldi per il mercato, in attesa della risposta di Perez. Avere o non avere il giocatore cambia molto nella preparazione della prossima stagione, quindi è chiaro che anche Pioli attende la decisione con una certa ansia.
Infine, come spesso capita, tanto rumore per nulla. Ci riferiamo a quanto un giornale importante e attento come il Secolo XIX ha messo in evidenza nella pagine sportive. Ovvero le frasi che Diamanti avrebbe rivolto a Borriello verso la fine della partita e che hanno scatenato una piccola mischia al limite dell’area per un fallo evidente subito da Moscardelli e non segnalato dall’arbitro. Diamanti avrebbe apostrofato l’avversario con un epiteto omofobo e secondo il giornale Prandelli avrebbe potuto non convocare il giocatore per il codice etidco che vige in azzurro.
Ovviamente il CT della Nazionale, che è persona intelligente, non ha neppure preso in considerazione l’ipotesi, dicendo che si trattava semplicemente di una fase di gioco e che non c’era nessuna volontà di mancare di rispetto. Dunque tutti in vacanza tranne Gabbiadini, Diamanti e Gilardino. Per loro un mese di giugno tutto tinto di azzurro.

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_20130520.mp4
Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.