Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

La notizia non si può dire sia arrivata come un fulmine a ciel sereno perchè pochi giorni fa Marco Di Vaio aveva negato in conferenza stampa un proprio coinvolgimento nella vicenda. Se allora si trattava probabilmente di aver millantato una conoscenza, questa volta il pubblico ministero che sta indagando su calcioscommesse vuole vederci più chiaro e anche Daniele Portanova è stato inserito nella lista degli indagati specie in relazione all’incontro Bologna-Bari dello scorso anno finito 4-0 per la squadra pugliese.
Il presidente Guaraldi come peraltro già affermato quando è stato coinvolto Rickler e lo stesso Di vaio, ha confermato la propria fiducia nella giustizia, ma anche in Portanova, che conosce come professionista onesto e nello stesso momento quando si parla di persona indagata non si tratta di colpevole.
Molto più netto l’avvocato di Portanova, Gabriele Bordoni,che afferma come il giocatore sia “sconcertato e basito”. “Portanova – ha affermato il legale è al di fuori di ogni devianza. E’ sempre stato un paladino del calcio pulito, un puro, uno che va in campo per giocarsi la partita e detesta qualsiasi inquinamento. Ne ha fatto una bandiera per tutta la carriera e di quelle cose lì, delle scommesse, non ha mai saputo un fico secco”. L’avvocato non ha confermato l’iscrizione nel registro degli indagati anche perchè quando ha chiesto chiarimenti si è trovato davanti ad un muro, ha detto. “Eravamo pronti a partire subito per Bari, ma anche questa circostanza ci è stata negata, così come non sappiamo ancora quali siano le accuse”. SE fossero derivate da quanto riportato al GIP di Cremona dal portantino Angelo Iacovelli, che riportava frasi dell’ex Bari Andrea Masiello, per Bordoni si tratta di un “triplo salto carpiato”.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.