Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Doppia seduta oggi di allenamento a Castelkdevbole per cercare di fare punti fin da Firenze. Ieri Guaraldi ha continuato a dichiarare che Pioli è la certezza fino a giugno, poi se ne parlerà. Ma è chiaro che la conferma è doverosa da parte della società fino a che ci sono i risultati, tutti quanti auspicano prima possibile un’inversione di rotta. Se non ci fossero con Fiorentina e Genoa è chiaro che la sua figura tornerebbe in grande dubbio. Finora i cambi di panchina hanno avuto fortune alterne, bene al Genoa, al Chievo e alla Sampdoria, ma non sempre si hanno questi risultati. Per il Bologna, poi, il cambio sarebbe molto oneroso visto il lauto emolumento del tecnico. Guaraldi ha detto che lo stesso Pioli ha tolto le castagne dal fuoco in momenti anche peggiori e dunque conta pienamente su di lui. Bisogna però ricordargli che le condizioni sono probabilmente le più difficili di sempre e dunque la situazione è davvero da rianimazione.
In vista di questo Pioli è ancora incerto se utilizzare insieme Bianchi e Cristaldo, provare il 4-2-3-1, con Kone, Diamanti, Laxalte dietro a Cristaldo, oppure, più opportunamente, tornare al 3-5-1-1, il modulo che ha permesso di fare più punti. In questo caso è probabile l’arretramento di Kone a mezzala, con Krhin al centro e Laxalt a sinistra. Quindi Diamanti sulla trequarti e Cristaldo in avanti. Intanto anche i tifosi stanno organizzando la trasferta di Firenze, si ritroveranno in tanti alla stazione in mattinata senza che venga, però, organizzato un treno speciale, mentre tanti altri faranno in macchina l’appennino per i 90 chilometri che distanziano Bologna dal Franchi. Dopo la bella prestazione di Parma i tifosi sperano nel bis, considerandoi anche la volontà della squadra di rifarsi dopo la partita con la Juventus.
Intanto dall’infermeria il medico sociale Sisca ha detto che le possibilità di vedere in campo perez sono al 50% e che quotidianamente viene monitorato. Chiaro che è inutile avere in una partita così importante un giocatore al 50% e dunque per questo Pioli è mentalmente portato a considerarlo out.
Intanto domani il presidente Guaraldi farà il classico brindisi natalizio con la stampa allo stadio. Un momento solitamente sereno, durante il quale viene tracciato il bilancio dell’annata solare ma che i risultati della squadra rendono un po’ più complicato
rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_20131211.mp4

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.