Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Difficile immaginare un weekend negativo come quello appena vissuto dal nostro basket regionale. La Virtus ha compiuto un clamoroso harakiri casalingo, venendo superata alla Futur Show Station dalla Montegranaro degli ex Pillastrini e Ford. Ancora una volta i bianconeri hanno dato vita ad una partenza ad handicap: come contro Cantù era finita sotto di 16 punti, riuscendo però a recuperare nel finale, così ieri la banda di coach Lardo ha subito un terribile 15-2 nei primi 2 minuti di gara, per poi trovarsi addirittura a -25 dopo 13 minuti. Il recupero finale, peraltro inutile stavolta, non deve però distrarre dall’assunto basilare che non si può e non si deve finire sempre sotto come dei palombari per poi sperare di recuperare il gap negativo creato con le proprie mani: anche perché, nel frattempo, si perdono treni basilari in ottica classifica, com’è successo ieri, con le V nere risucchiate a metà della graduatoria, mentre invece una vittoria avrebbe eletto la Virtus come terza incomoda nella battaglia Milano-Siena per lo scudetto. E’ andata, se possibile, ancora peggio alla Fortitudo, sconfitta in casa per la terza volta, stavolta da Roncade: a questo punto è palese che la squadra non sia all’altezza delle prime posizioni, e se la società intende veramente correre per la promozione bisognerà ora ricorrere al mercato in maniera pesante e decisiva. In Lega Due è ugualmente continuata la giornata-no delle nostre formazioni: Rimini è uscita sconfitta dal parquet di Veroli, Forlì ha perso di misura a Barcellona, Imola pur lottando fino all’ultimo è stata sconfitta a Venezia, e nel derby tra Reggio Emilia e Ferrara i reggiani hanno avuto la meglio, rigettando nel baratro la formazione estense.

Categoria: Senza categoria
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.