Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Oggi è, presumibilmente, il giorno della firma definitiva del passaggio di consegne tra Ferrara e la nuova Fortitudo. Ieri i due presidenti, Mascellani e Romagnoli, si sono incontrati per chiudere la trattativa, che era stata momentaneamente sospesa per dare spazio a eventuali azioni della cordata ferrarese. La “due diligence”, ovvero l’analisi dei bilanci, è in atto da tempo e i professionisti di Romagnoli pare abbiano concluso il proprio lavoro: e mentre a Ferrara si analizzavano i conti, a Bologna si è lavorato per allestire la compagine societaria e ultimare la raccolta delle risorse necessarie per il progetto. I soci parrebbero essere saliti di numero sino a 14 unità, buona parte delle quali provenienti dal mondo del Bologna: e, soprattutto, parrebbe essere cresciuta anche la base economica, inizialmente stabilita in una quota intorno al milione e mezzo di euro e salita ora fino a quasi due milioni. Segno di un certo entusiasmo che sta montando intorno a questa nuova F scudata, che guarda al futuro rimanendo però fortemente ancorata al proprio passato: è in quest’ottica che si sta cercando di inglobare nel progetto non solo un’autentica icona come Teo Alibegovic (probabile prossimo general manager) ma pure alcuni giocatori dal forte passato biancoblù, come Gregor Fucka e, forse, addirittura Carlton Myers, ritiratosi dal basket giocato solo qualche mese fa ma forse tentato dall’opportunità di chiudere con un’ulteriore parentesi con la canotta, quella con la F scudata, che più ha sentito sua. Quella per la quale potrebbe anche fare una pazzia come quella di lucidare le vecchie scarpe da basket e ritornare in campo. I tifosi attendono.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.