Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Diamanti 1
La fumata bianca è attesa da un momento all’altro. Già nella tarda notte di ieri sembra che l’accordo per la cessione di Alessandro Diamanti alla squadra cinese dello Guangzhou Evergrande di Marcello Lippi sia stato trovato. Ora manca solo il nero su bianco sulla base di nove milioni per il Bologna cash e immediati e cinque all’anno per quattro anni per il giocatore. Operazione che dal punto di vista economico per giocatore e società non si può non fare, nello stesso momento il Bologna perde il suo capitano e il giocatore di maggior talento e visto che la permanenza in serie A sembra essere appesa ad un filo, è chiaro che non si può pensare che non venga sostituito. E proprio il capitano sembra che a Ballardini abbia detto che fino ad un mese fa non avrebbe lasciato volentieri la squadra, mentre per il clima nato negli ultimi tempi gli dispiace questa situazione, ma ovviamente a questo punto non può certo tirarsi indietro. I nomi fatti ieri per la sua sostituzione sono ancora validi, ovvero quello di Giovinco, che però non convince né la Juve, che vorrebbe valorizzare il suo investimento, che il giocatore, mentre più abbordabile l’interesse per Saponara del Milan, decisamente chiuso. Ovviamente i nomi che si fanno vicino ad una squadra con otto-nove milioni da spendere sono molti, dal ventunenne georgiano del Vitesse di scuola Barcellona Chanturia, a Padoin della Juventus, quindi l’attaccante del Cesena Nadarevic, così come torna di moda il paraguiano Nelson Valdes. Sempre più difficile parlare del ritorno di Ramirez visto che la nuova proprietaria del Southempton ha dichiarato che a gennaio nessuno dei gioielli partirà. Per il centrocampo i nomi caldi sono sempre quelli del veronese Donati e di Ibrahim, che ha risolto il proprio contratto con il Manchester City, mentre rimane calda la pista Kharja.
Intanto la squadra ha prepararto oggi la partita con la Sampdoria. Rispetto alle scorse settimane spunta una variante in attacco. Senza Kone e forse senza Diamanti, Ballardini ha messo in campo un 3-5-2, con Krhin e Pazienza a fianco di Perez per dare maggior consistenza al centrocampo, mentre in attacco le coppie erano Moscardelli e Cristaldo da una parte, mentre Bianchi e Acquafresca dall’altra. Moscardelli autore dell’unico gol A guardare i compagni Kone, che ha completato la sua preparazione personalizzata e domani tornerà con i compagni.
Intanto si saprà solo domani se il ricorso del Bologna contro la squalifica di Ballardini sarà accolta, ma anche oggi il tecnico a domanda diretta ha risposto di avere la certezza di non aver mai pronunciato una frase blasfema, cosa che può testimoniare il quarto uomo che gli è stato vicino per tutto l’incontro. Ma la possibilità che la squalifica venga cancella è davvero remota.

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.