Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Il Parma di Francesco Guidolin chiudera` il proprio anno venerdi` sera con il secondo anticipo della 19.a di Serie B. Un anno intenso, che ha visto i ducali retrocedere dalla massima divisione, faticare per riemergere e infine ripartire con il successore di Gigi Cagni. Una rimonta durata 13 gare di imbattibilita` chiusasi sabato scorso a Pisa, quando i crociati hanno dovuto incassare il primo ko della nuova gestione. Domani sera al Tardini, pero`, arriva il Cittadella, una squadra che ha perso una sola volta nelle ultime 10 partite e che nell`ultimo turno ha sconfitto il Brescia. In piu`, l`infermeria di Collecchio e` al tutto esaurito.

Problemi non da poco per Guidolin, che comunque parte sottolineando la qualita` dell`avversario: `Rispettiamo molto il Cittadella. E` un fenomeno calcistico positivo. Mi ricorda il Chievo, per non parlare del mio Vicenza o del primo Parma. Squadre che fanno dell`organizzazione e della pianificazione il proprio punto di forza. E si permettono di fare colpacci contro le grandi. Foscarini ha creato una bella squadra, che non solo ha battuto il Brescia ma ha anche vinto a Pisa e a Grosseto meritava i tre punti`.

Tutti in guardia, dunque. Anche perche` i problemi di formazione non mancano: `Tutto dipende da Castellini. Se sara` recuperato giochero` in un modo. Se non lo sara` in un altro. Manchera` di certo Leon. Se faro` giocare Matteini? E` uno dei 18 a disposizione. Comunque sia dovremo vincere con la forza dell`umilta“. Le due possibilita` sono chiare. Calcolando anche la squalifica dell`unico regista in rosa, Budel, Castellini porterebbe Guidolin a un 3-5-2 con il recuperato schierato da esterno destro di centrocampo e Antonelli a sinistra. Mariga andrebbe in mezzo, mentre Kutuzov si muoverebbe a supporto di Reginaldo e Cristiano Lucarelli. Senza Castellini, il modulo diverrebbe un 4-2-3-1 con Falcone posto da terzino destro, Antonelli sinistro e una trequarti composta da Reginaldo, Paloschi e Kutuzov. Difficile che trovi spazio anche Matteini. Ma difficile anche pensare che Castellini non sorprenda ancora una volta tutti stringendo i denti come sempre.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.