Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_20140114.mp4

Campo e calciomercato, sono i due tavoli sui quali il Bologna sta giocando partite estremamente importanti e delicate. Per quanto riguarda il primo in questa settimana Ballardini avrà finalmente la squadra al completo, con il ritorno di Sorensen, ed il totale recupero di Perez. Nello stesso momento anche Morleo e Cherubin, usciti il primo per una botta nel primo tempo e il secondo per crampi, sono tornati abili e arruolati e dunque il mister avrà tutte le frecce nella migliore condizione nel suo arco. Da qui potrà pure capire come spendere le poche risorse della società in nuovi arrivi che possano essere utili per arrivare all’unico obiettivo che è la salvezza. Le prime indicazioni si sono già avute con la Lazio: squadra più corta, volontariamente compatta, con difficoltà per l’avversario di trovare spazi specie sulla trequarti. Nello stesso momento ancora più difficile arrivare alla porta avversaria, con il solo Bianchi a fare a sportellate con i difensori, mentre Diamanti deve fare il centrocampista aggiunto, magari partendo da poco oltre la propria area difensiva. Diventano fondamentali, per questa tattica, le mezzali, che con Kone ed eventualmente Laxalt potrebbero anche rompere le linee avversarie, ma con la Lazio la velocità è stata quella di una partita tra scapoli e ammogliati e dunque le ripartenze non ci sono mai state.
Per il mercato del Bologna si dovrà probabilmente aspettare una decina di giorni, almeno la partita con il Napoli, perchè comunque ad ogni entrata è necessaria un’uscita per non aggravare ulteriormente il monte ingaggi, già aumentato del compenso dello staff tecnico.
Per quanto riguarda l’attacco l’unica squadra in Italia che potrebbe arrivare a Diamanti è la Juventus, ma che solo a fine mercato deciderà cosa fare. E Diamanti cosa dice? Diamanti sta riflettendo. Il capitano sabato sera ha voluto sfidare il pubblico e ha ricevuto lo stesso trattamento del resto della squadra, ovvero fischi, anche se come sempre la sua prestazione è stata migliore di quella dei compagni. E allora è cosciente che Bologna lo apprezza, ma l’idillio è finito. E non ha certo la personalità di un Portanova che se qualcuno non si impegnava poteva attaccarlo allo spogliatoio, diventando in campo e in società il vero punto di riferimento. Ed inoltre senza Gilardino che finalizza le sue giocate anche le sue prestazioni ne stanno perdendo, mettendo a rischio la sua presenza al Mondiale brasiliano. E i due nomi per cambiare l’attacco sono proprio due, il ritorno di Gialrdino, ma solo se il Genoa arriverà a Borriello, oppure Floccari che la Lazio venderebbe ad una cifra molto superiore a quella offerta dal Bologna. Nello stesso momento ogni mossa potrà avvenire solo dopo la cessione di Bianchi o Acquafresca, così come a centrocampo potrà arrivare un geometra solo dopo le cessioni di Della Rocca e Pazienza. Inutile dire che è il momento di capire quanto valgono il direttore generale Roberto Zanzi e il nuovo consulente di mercato Salvatore Bagni.

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.