Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

VUOI VEDERE che stavolta le previsioni della vigilia saranno smentite? Giocandoselo alla Snai il possibile ritorno della Trenkwalder in A1 lo darebbero 50 a 1. Però…però l’incontro di oggi alla Comtec, dove si discuterà dei possibili mancati versamenti previdenziali (risalenti anche al 1999) da parte del Basket Napoli all’Enpals, potrebbe anche riservare qualche sopresa. Riepilogando: l’ente previdenziale dello spettacolo a cui compete gestire le future pensioni degli sportivi professionisti ha segnalato alla Comtec, la Commissione di controllo della Federbasket presunte violazioni commesse dalla società partenopea e ha chiesto nuovi accertamenti in merito. La squadra di cui è general manager Ario Costa è stata già iscritta alla serie maggiore, ma se dovessero essere accertate infrazioni alle norme e giudicata insufficiente la documentazione difensiva che la dirigenza sottoporrà alla commissione una sanzione sarà inevitabile.
UN PRIMO incontro svoltosi a fine agosto è stato infruttuoso e si è risolto con la convocazione di una nuova udienza, quella odierna, che dovrebbe essere decisiva. In caso di condanna il sodalizio campano dovrà pagare i contributi eventualmente non versati, scontando, con ogni probabilità, una penalizzazione per il ritardato pagamento, e subendo una maximulta. Nessuna speranza per la Trenkwalder quindi. A meno che la Comtec non ravvisi altre situazioni irregolari o imponga al sodalizio del presidente Maione di pagare tutto e subito cosa che, vista l’incerta situazione finanziaria dei biancazzurri, potrebbe essere molto complessa e, se non fatta, portare anche alla revoca del titolo sportivo. Nell’eventuale griglia per il ripescaggio Reggio è preceduta da Scafati, Jesi e Varese, ma la scelta potrebbe diventare discrezionale e premiare proprio la Trenkwalder. La linea di difesa dei partenopei è legata al fatto che i mancati versamenti Enpals risalgono alla gestione del precedente management societario. Ma il noto giurista sportivo Luigi Albertini, il quale approfondisce in un’intervista al Carlino che riportiamo a fianco i contenuti della questione, evidenzia che: ”il fatto che i dirigenti siano diversi non cambia nulla se la partita iva societaria è rimasta immutata”. Come dire, i book-makers darebbero Reggio 50 a 1, però…

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.