Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Ha davvero dell’incredibile come il nuovo sponsor del Modena Onoranze Funebri Gianni Gibellini abbia portato fortuna alla squadra canarina: infatti il Modena ha vinto la prima partita da inizio campionato, proprio con il nuovo logo sulle maglie… La squadra di Pioli ha nettamente dominato nel primo tempo, sfiorando in diverse occasioni il gol: gli uomini di Zoratto hanno lasciato giocare il Piacenza e al primo calo fisico ne hanno approfittato. Infatti arriviamo al 61′, quando una fuga sulla sinistra di Biabiany semina tre giocatori avversari, entra in area e lascia partire un forte tiro che Cassano non può trattenere, sulla ribattuta il più lesto è Bruno che insacca il gol dell’uno a zero, e della vittoria canarina. Il Piacenza ci prova fino al 94′ ma l’attenta difesa modenese non commette errori, e al triplice fischio del signor Giannoccaro lo stadio “Braglia” esplode di gioia e ironia. In settimana Gibellini ci aveva detto: “prima o poi arrivo….” e stavolta la vittoria è arrivata.

MODENA

L’allenatore del Modena, Daniele Zoratto: “Il Piacenza ha giocato molto nel primo tempo con gli esterni, sapevamo che lì erano pericolosi e avevano la superiorità numerica, su questo tipo di gioco avevamo provato in settimana diverse soluzioni, nel primo tempo hanno avuto più brillantezza di noi, e una giocata in particolare che ci attaccava sempre la profondità, dove noi scattavamo sempre in leggero ritardo ci ha messo in difficoltà. Nel secondo tempo siamo entrati in campo con più fiducia, oltre a questo ho chiesto anche di non avere ansia quando erano in possesso di palla, perché l’ansia della vittoria ti porta a sbagliare. Alla fine del primo tempo ho detto che questa partita si decide con il guizzo di un giocatore, e così è stato, perché si vedeva che c’era una stabilità ed un equilibrio evidente, e un vantaggio territoriale a vantaggio loro, e solo una giocata di un giocatore poteva risolvere la gara”.

PIACENZA

L’allenatore del Piacenza, Stefano Pioli: “Non è stata mancanza di presunzione, anche perché è impensabile giocare con i ritmi che abbiamo avuto nel primo tempo e tenerli per 90 minuti. Mancanza di cattiveria? Sì, questo è un limite grosso che sta venendo fuori nelle nostre prestazioni, perché sia sabato scorso con la Salernitana che oggi, per mole di gioco e situazioni create in fase offensiva, non meritavamo la sconfitta, però ha sempre ragione chi segna il gol, dobbiamo crescere siamo una squadra giovane. A proposito di superstizioni, so le ultime del Modena e personalmente avrei fatto i complimenti di persona a Gibellini, perché si è dimostrato in questo momento un tifoso del Modena, anche quando c’ero io ci dava anche dentro con la critica (in qualità di opinionista televisivo, ndr), ha dimostrato in un momento difficile della società di esserle vicino, gli faccio i complimenti e poi le battute le lasciamo stare”.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.