Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Mentre la serie A veleggiava nel marasma più profondo e vergognoso, è quindi toccato alla Lega Due tenere alta la bandiera del basket italiano. Non solo perché, a differenza della sorella maggiore, domenica la seconda Lega nazionale ha iniziato regolarmente il proprio cammino con la prima giornata di campionato, ma anche e soprattutto perché, davanti ad una simile pubblicità mediatica negativa, è stata proprio lei, la Lega Due, a dover rifocalizzare l’attenzione sulla parte sportiva della palla a spicchi invece che sulle beghe burocratiche. Sperando che, da domenica prossima, anche la serie A, lasciando le aule dei tribunali per passare definitivamente al parquet, sappia riconquistare la credibilità perduta. Anche quest’anno (com’è ormai prassi), la Lega Due ha pronta al via una nutrita ed agguerrita rappresentanza della nostra regione. Reggio Emilia, Rimini ed Imola, pur con forze ed obiettivi diversi, ci tengono parecchio a rappresentare l’Emilia Romagna nella maniera migliore: anzi, non a caso una delle 3 (la Trenkwalder) è stata scelta come protagonista del primo posticipo televisivo. L’esordio casalingo degli uomini di Marcelletti ha quindi avuto luogo domenica sera contro una neopromossa storica come la Reyer Venezia, forte degli ex-Fortitudo Rodolfo Rombaldoni e Nate Green. Nonostante si trattasse di un impegno da prendere con le molle, i biancorossi si sono fatti trovare preparati, e sono stati subito vincenti e convincenti. Rimini ha ospitato invece al 105 Stadium l’ambiziosissima ed esperta Jesi (capace di schierare giocatori che hanno scritto la storia del basket italiano come Rossini, Sambugaro, Cantarello e Maggioli), ed ha dovuto cedere, anche se solo al fotofinish e addirittura dopo un tempo supplementare. Imola ha invece fatto visita all’altrettanto pericolosa Scafati, appena scesa in Lega Due dalla serie A: anche qui è venuta una sconfitta, ma pure in questo caso lo stop è arrivato sul filo di lana, e quindi si può davvero dire che la resa sia arrivata con il pieno, completo onore delle armi.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.