Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Ancora 48 ore poi sarà campionato. La Trenkwalder inizierà la sua nuova avventura nel campionato di Legadue con maggiori aspettative rispetto alla scorsa edizione. Lo fa con un organico rivoluzionato ma nello stesso tempo più talentuoso.
«Non ci nascondiamo delle attese che la gente ripone in noi – dice Franco Marcelletti – dato che sappiamo delle difficoltà che dobbiamo far fronte. Ci troviamo a giocare una stagione impegnativa, all’interno di un torneo equilibrato verso l’alto, con formazioni quotate come Varese e Casale che partono un gradino sopra».
In quali condizioni si presenta la squadra?
«In questo momento siamo al 65-70% delle nostre possibilità. Abbiamo pagato il problema legato agli infortuni dei lunghi e solo nel corso delle ultime due settimane, ci siamo allenati in modo uniforme ed omogeneo».
Com’è la situazione degenti?
«Infante non ha lavorato mercoledì ma oggi (ieri per chi legge) rientrerà in gruppo, Heinrich scende in campo con la maschera protettiva per il colpo preso al naso ma nonostante l’handicap, lavora regolarmente. Questo perché Chris è un giocatore coraggioso, che non ha paura dei contatti in una disciplina come la nostra porta, dove i contatti sono all’ordine del giorno».
Anche Melli ha dovuto iniziare la stagione in ritardo, come sono le sue condizioni fisiche?
«Il problema al tendine sottorotuleo sembra dimenticato. Nicolò lavora forte e cresce giorno dopo giorno. Rispetto all’anno scorso quando ho iniziato a lavorare con lui, ha saputo compiere notevoli balzi in avanti. Oggi riparte da una base certa ed il lavoro portato avanti l’anno scorso, lo aiuterà a compiere un salto di qualità».
Che tipo di clima si è instaurato nel gruppo?
«Valido ed il feeling tra i giocatori è buono».
Resta dell’idea che il reparto piccoli, rappresenti il punto di forza della squadra?
«Abbiamo giocatori intercambiabili che in testa hanno l’idea di stare assieme per raggiungere un unico traguardo».
La squadra allestita, è quella che aveva in testa?
«Si, la società mi ha messo nelle condizioni ideali per avere i giocatori che avevo indicato».
Rispetto alla squadra dell’ultima stagione, agonistica, che squadra è oggi la Trenkwalder?
«Stiamo parlando di una squadra che ha tanti giocatori con punti nelle mani che hanno la possibilità per diventare protagonisti».
Quale sarà la vostra forza?
«Questo dipenderà da come saprà crescere la squadra. Abbiamo le possibilità per migliorare costantemente ma per farlo dovremo sempre essere sani ed evitare quelle pause che derivano dagli infortuni».
Come giocherà la Trenkwalder?
«Cercheremo come sempre di prestare attenzione in difesa, puntando sull’organizzazione di squadra. Per riuscirci, dovremo muovere la sfera con velocità, cercando di evitare il più possibile delle pause».
Che tipo di squadra ha allestito la Reyer?
«Formazione ostica che ha mantenuto la stessa intelaiatura che ha vinto l’ultima serie B1 e che in estate ha inserito giocatori extra-comunitari validi come Otis George (ex Casale) e Nate Green (Avellino, Fortitudo, Milano) oltre a Carrizo protagonista a Veroli. A menare la danza l’esperto Rombaldoni. In panchina un tecnico valido e preparato come Dalmasson che meritava un palcoscenico importante come Legadue».
Festa S. Anna
Luca Infante, Marco Carra e Filippo Masoni, hanno partecipato alla festa d’inizio anno della Pallacanestro Sant’Anna di Modena. Nel corso dell’evento è stata presentata la prima squadra della società che parteciperà nella stagione 2008/2009 al campionato di serie C regionale, oltre all’attività del settore giovanile della Pallacanestro Sant’Anna che comprende ben 200 tesserati. Insieme agli atleti biancorossi sono intervenuti Andrea Niccolai e Nino Pellacani per il basket, Mauro Laffi, capitano della squadra di baseball di Modena e Andrea Lucchetta storico campione del volley. Dopo aver salutato i presenti, Infante, Carra e Masoni hanno posato per foto ricordo e firmato autografi ai tifosi del Settore Giovanile.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.