Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Malesani ha deciso che il Bologna che giocherà con la Juventus sarà molto diverso rispetto a quello di Palermo. In difesa la scelta del laterale destro sembra caduta su Antonio Buscè che dopo i 45 minuti in Sicilia riavrà domenica una maglia da titolare. Da martedì, poi, il tecnico sta provando Nicolò Cherubin al centro della difesa assieme a Portanova. E se è vero che tre indizi formano una prova, tre allenamenti potrebbero essere un segnale importante che l’intenzione del tecnico veronese potrebbe essere quella di togliere dalla naftalina l’ex difensore del Cittadella, lo scorso anno indicato come miglior centrale della cadette ria, per farlo esordire in serie A.
Ma le novità non sembrano finite. Perché prima di tutto dovrebbe cambiare il modulo. Da 4-3-3 a 4-3-1-2, oppure un 4-4-1-1 ancora più coperto e nel quale le doti di contropiedista di Marco Di Vaio potrebbero essere sfruttate al meglio, come ha detto il gol della bandiera a Palermo. Davanti alla difesa sembra tornato il momento per l’ex atalantino Radovanovic, con Ekdal e Mudingayi a fungere da mezzali, mentre l’attacco potrebbe avere in Luca Siligardi il fantasista alle spalle di Di Vaio e di uno ancora da scoprire. In giornata il prescelto è stato Paponi ma la scelta è ancora in alto mare.
E se lo stadio comincia a riempirsi, dopo che ieri sono andate esaurita le due curve, continua il discorso societario. Ancora un’uscita del presidente Porcedda per ribadire che i problemi di liquidità stanno per finire, ma le voci su possibili interessamenti di altri sul Bologna si intrecciano. Dopo quello che vuole i Menarini alla ricerca di un possibile nuovo proprietario, oggi sono arrivate le voci che vedono sempre il socio di minoranza aver interpellato un avvocato molto vicino al presidente Pozzo dell’Udese. Voci di origine friulana che chiedono conferme sotto i portici della città e dunque che non nascono direttamente dalle Due Torri.
Comunque voci che non devono mettere in secondo piano l’impegno sul campo. I tre punti in palio cominciano ad essere importanti non solo per il morale ma per una classifica che comincia ad essere un po’ difficile.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.