Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Di Jack Bonora

Quarti di finale agli europei di basket per l’Italia. Un risultato non facile da raggiungere, peraltro con 5 vittorie su 5 nella prima fase. Nella seconda sono arrivate due sconfitte, che ci possono stare, con Slovenia e Croazia e la clamorosa vittoria sulla Spagna. Quindi terzo posto nel girone e sfida alla fortissima Lituania. Ma fortissime erano la Russia, la Turchia, la Grecia e la Spagna e tutte quattro le abbiamo battute. Ecco, però è opportuno considerare che le prime due si sono letteralmente presentate in pantofole, le altre due il turno l’avevano comunque passato. Poi, sia ben chiaro, formazioni di questa caratura devi batterle ed è evidente che con l’atteggiamento mostrato in altre competizioni dai nostri, ne avremmo presi venti e ringraziare. Ma questa Italia non ha vissuto le pesantissime assenze come un pretesto, ma come un motivo di sfida. Hackett, Gallinari, Bargnani, Mancinelli, Polonara e Gigli non ci sono e, realisticamente, a parte che non c’è una guardia, sono già una formazione, con qualcuno dignitoso in panca, che può fare bene in un Europeo. Anzi, se avessimo dovuto scegliere prima dell’inizio della competizione avremmo preferito gli assenti ai presenti… Ora, invece, come nella vecchia pubblicità del detersivo, la nostra squadra non la cambiamo con nessuna, perchè è riuscita a farci sognare. Può farlo ancora? Sulla carta la sfida con la Lituania equivale alla semifinale delle Olimpiadi del 2004, quella che vincemmo guadagnandoci la lotta per la medaglia d’oro con l’imbattibile Argentina della “Generation dorada”. C’erano Basile e Pozzecco, oggi ci sono Belinelli e Datome. In assoluto direi che c’è un gruppo con individualità meno marcate, ma estremamente coeso. Purtroppo, però, i lunghi, fino ad ora, ci hanno fatto molto male e tra i Lituani ci sono due giocatori NBA come Motiejunas e Valanciunas, poi i due fratelli Lavrinovic, che giocano dentro e fuori e lo scomodissimo Maciulis del Panatinaikos. Ma non è finita qui, perchè gli altri sono ottimi giocatori come Kleiza del Fenerbache, Kuzminskas del Malaga e tutti quelli che non si sono mossi dal loro Paese ma hanno notevoli qualità. La Lituania è più forte dell’Italia? Si, ma lo era anche nel 2004. E vincemmo noi…!

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_tg_basket_italia_20130917.mp4
Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.