Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Addio all’Adecco Cup 2014. La Fortitudo, impegnata ieri sera nella gara di ritorno di Coppa Italia contro i Legnano Knights, ha mancato l’accesso alla competizione del 7-8-9 marzo, perdendo con il punteggio di 71 a 59. Come previsto da coach Politi alla vigilia, i padroni di casa, col dente avvelenato per la sconfitta rimediata al PalaDozza, hanno messo in campo una prestazione caratterizzata da alta intensità, che ha messo alle corde una Fortitudo tornata, per l’occasione, a tentennare soprattutto in fase offensiva. Eppure l’avvio con quintetto leggero della F, faceva ben sperare. Spizzichini, nel ruolo di finalizzatore, sembrava potesse dettare legge sotto canestro, ma il ritmo di gioco, dopo una manciata di minuti, cala inesorabilmente e l’attacco, insieme alla difesa, inizia a risentirne. I cavalieri Arrigoni e Milani prendono in mano le redini della partita, mentre Cazzaniga chiude con schiacciata il primo quarto per 26 a 13. La sveglia, per i biancoblu, non suona nemmeno nel secondo, mentre in area Legnano banchetta che è un piacere, collezionando rimbalzi su rimbalzi, tanto da ridicolizzare i lunghi avversari. “Chi controlla i rimbalzi, controlla la partita”. Questa legge del basket si rivela fatale per la Fortitudo nonostante alcuni segnali di ripresa in terzo periodo, spezzati, però, dall’espulsione di Spizzichini per secondo antisportivo, a 15 dal termine. I Knights ne approfittano, guidati da Arrigoni, presentandosi con un ventello di vantaggio all’inizio dell’atto conclusivo della gara. Politi, tira fuori l’orgoglio dai suoi e la scelta di un quintetto decisamente dinamico, con doppio play, Venturelli, Verri e De Min, si rivela mossa azzeccata. Il calo, poi, di Legnano sembra favorire la rimonta della Fortitudo, ma la mancata tripla di Sabatini a 2 dalla fine spegne ogni speranza. “L’atteggiamento non è stato quello delle ultime uscite – ha dichiarato un amareggiato Politi nel post partita – Il solco si è creato nei primi 2 quarti con la differenza ai rimbalzi: la gara è tutta qua”. Stando alle parole del coach, allora è proprio vero: chi controlla i rimbalzi, controlla la partita…

 

Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.