Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Dopo la catastrofe di Marassi, Colomba vara il suo Bologna. Sì perché la squadra che ha giocato con la Sampdoria era praticamente quella di papadopulo con un altro allenatore in panchina, mentre mercoledì contro il Siena sarà il primo vero Bologna del nuovo tecnico. Tanti cambiamenti nell’allenamento odierno, che poitrebbero anche non essere definitive, ma decisamente alternative.
Infatti con la casacca dei titolari hanno giocato raggi e Mingazzini, i cui infortuni sembravano essere decisamente più lunghi da recupere ed invece quest’oggi hanno sostituito sulla destra Zenoni e al centro del campo Mudingayi. Anche sulle fasce un’altra novità, con Giacomo Tedesco per Vigiani, mentre in avanti la scelta è caduta su Adailton e Osvaldo anche perché Di Vaio è stato squalificato e Zalayeta ha decisamente deluso. Quindi un Bologna rivoltato come un calzino, forse meno muscolare ma decisamente più votato a giocare la palla. Se vogliamo è ben chiaro il tentativo di far girare meglio la sfera, uno dei primi obiettivi che il tecnico si era posto durante la conferenza stampa di presentazione. Il secondo obiettivo era quello di essere più efficaci in fase offensiva. Sulla carta gli attaccanti scelti hanno meno gol nelle gambe ma è chiaro che i giocatori sono questi e per quanto venga tirata da qualche parte la coperta diventa corta.
Potremmo pensare che con questa formazione l’obiettivo è soprattutto quello di non perdere, che è probabilmente la paura maggiore, anche perché prima di guarire è comunque importante prima fermare l’emorragia e fermare le sconfitte potrebbe già essere un primo obiettivo visto che quelle consecutive sono già tre

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.