Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

da bolognabasket.it

PEPSI CASERTA – CANADIAN SOLAR BOLOGNA 63-71 (24-21, 44-43; 57-60)

Con una grandissima difesa, che ha costretto il miglior attacco del campionato a segnare 6 punti nell’ultimo quarto (e 19 nel secondo tempo, con 6/30 totale al tiro), la Virtus – una settimana dopo Pesaro – espugna pure il PalaMaggiò di Caserta e continua a sorridere in un campionato che la vede tra le assolute protagoniste.
I bianconeri di Bologna sono stati bravi a non scoraggiarsi dopo una partenza ad alto ritmo dei padroni di casa, e a imbrigliare piano piano il gioco di Sacripanti. Dopo l’intervallo poi Caserta non ci ha capito più assolutamente nulla, con i tre americani che hanno sbagliato di tutto e di più: Bowers, partito bene, ha chiuso con 3/10, Jones con 2/8 e un disastroso Ebi con 4/15. L’unico a salvarsi è stato Eric Williams, discreto con 10+9. Per il resto tutti male, anche capitan Di Bella che pure era partito forte. Padelle da tre, errori ai liberi e un bilancio 0/5 per Caserta, che da martedì inizierà pure una coppa europea che potrebbe non essere l’ideale in questo momento.
La Virtus anche oggi poteva chiudere prima la partita, ma la soffrerenza rispetto a Pesaro è stata decisamente minore. E la filosofia di Lino Lardo continua a pagare. Questa squadra – a sorpresa – difende, e difende forte. E difendendo si fa strada. L’MVP è stato sicuramente Kennedy Winston, che è partito fortissimo (12 nel primo quarto, 22 alla fine) e ha continuato a far canestro anche dopo, mettendo i canestri decisivi nell’ultimo quarto. Bene anche Kemp, le cui triple hanno ricucito lo strappo di Caserta. Importante anche Homan (9+10), unico a non andar sotto a rimbalzo, specialità nella quale le Vu Nere continuano a faticare. Ma davvero, è stata una prova di squadra, vinta con la difesa in un campo caldo e difficile. Peccato solo per Viktor Sanikidze, che dopo soli 6 minuti è ricaduto sulla caviglia (l’altra, secondo Lardo), uscendo dalla partita.

Cronaca: nel primo quarto è Caserta a fare la partita, imponendo subito un ritmo molto alto e trovando punti facili sotto le plance con Williams. La Virtus tiene con un ottimo impatto di Winston, poi finisce sotto anche di 14-8 con problemi a rimbalzo difensivo e con Caserta che sfrutta anche un antisportivo di Poeta su Di Bella. I bianconeri di Bologna trovano tantissimo da Winston (12 nel quarto) e qualcosa da Koponen, e restano in scia: 24-21 Caserta alla prima sirena.
Con un 4-0 la Pepsi tocca il +7 (28-21) in apertura di secondo periodo. Nel momento di maggiore difficoltà però la Virtus è brava a rallentare un po’ il ritmo, e a rientrare con Kemp, che mette tre triple in successione. Mentre a Sanikidze cede la caviglia i bianconeri prima impattano, poi addirittura sorpassano (36-37, Homan). Un ottimo Bowers riporta avanti i suoi, e mette anche il libero che mantiene Caserta in vantaggio di una lunghezza all’intervallo lungo, dopo una fiammata di Poeta: 44-43 a metà.
Dopo la pausa il punteggio si abbassa ancora di più: si sbaglia tanto, e a trarne giovamento è (prevedibilmente) la Virtus, che dal 53-49 per i campani infila un parziale di 8-0 , propiziato da Homan) e tocca il +4 sul 53-57. I bianconeri potrebbero anche allungare ulteriormente, ma sprecano un po’, e la Juve ne approfitta tornando subito a in parità. Un canestro di Kemp e un libero di Homan fissano il parziale sul 57-60 per gli ospiti al 30°, mentre Ere sbaglia l’impossibile.
Ultimo quarto: tra difesa, errori e orrori vari nessuno segna per 4 minuti e 15 secondi. La siccità è rotta da Winston prima e Koponen poi, per il 57-64 virtussino a 5′ dalla fine. Si continua a segnare pochissimo, ma il cuscinetto virtussino si dimostra prezioso. Mentre i padroni di casa, stritolati da un’ottima difesa, sbagliano qualsiasi tipo di tiro, Winston e Amoroso mettono i canestri della staffa per il 60-69. La Virtus porta a casa i due punti mentre parte del pubblico casertano abbandona il palazzo prima della fine e gli altri fischiano. Finisce 63-71, dopo una schiacciata dell’MVP Winston.

PEPSI CASERTA – CANADIAN SOLAR BOLOGNA 63-71 (24-21, 44-43; 57-60)
CASERTA: Marzaioli NE; Koszarek 7; Colussi 3; Di Bella 6; Bowers 12; Garri 5; Ere 13; Martin 3; Williams 10; Jones 8.
BOLOGNA: Koponen 9; Poeta 5; Moraschini NE; Homan 9; Winston 22; Sanikidze 0; Martinoni 5; Gailius 0; Spizzichini NE; Kemp 12; Amoroso 9; Tugnoli NE.

Categoria: Calcio
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.