Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_basket_20160318.mp4

Ore 18.15 di domenica. La Virtus ad Avellino cerca l’impresa. Non sarà facile. Gli irpini, infatti, con il doppio innesto di Joe Ragland e di Marques Green hanno messo in condizione gli altri giocatori di rendere al meglio, e ora coach Sacripanti ha a disposizione una vera e propria fuoriserie che sta girando a mille. In campionato non perde dal 23 dicembre, con una striscia di 10 vittorie consecutive che l’ha fatta arrivare al quarto posto. E la crescita irpina è costante, sembra l’unica squadra che possa provare a impensierire Milano per la vittoria finale, anche se lo scontro diretto in finale di Coppa Italia è stato vinto dall’Olimpia in maniera piuttosto netta. Con queste premesse, è chiaro che per la Virtus la trasferta al Pala Del Mauro sia proibitiva. Dall’arrivo di Collins però la Virtus gioca finalmente con cinque americani, ha vinto due partite in fila e soprattutto ha una fiducia nei propri mezzi che quest’anno non si era mai vista. I bianconeri devono giocare con la testa leggera, e provare a rimanere a contatto sapendo di aver ben poco da perdere. E, nel caso, giocarsela nel finale come è successo a Sassari. Intanto ad appena vent’anni – li ha fatti tre mesi fa -, Simone Fontecchio è a un passo dalla 100ma presenza nel campionato di Serie A. L’ala di Obiettivo Lavoro è nipote e figlio d’arte, in una famiglia di grandi tradizioni sportive: Simone ha fin qui totalizzato 529 punti nella massima serie. Alla Virtus che domenica affronta la Sidigas Avellino manca una sola vittoria per toccare quota 1300 nel massimo campionato. Ad oggi, 1299 successi su 2024 incontri, con il 64.17% di vittorie.
Domenica alle 18 al Paladozza arriva Treviglio. Difficilmente ci sarà Amoroso, che si cercherà di avere al meglio dopo la sosta di Pasqua. Si spera aggiusti la mira Matteo Montano, che nelle ultime tre trasferte ha tirato con un non esattamente eccelso 3/30 totale. Per quanto riguarda Treviglio, si tratta di una squadra discretamente in forma con 7 sette vinte e tre perse nel girone di ritorno e che similmente alla Fortitudo ha fatto molto bene in casa, meno in trasferta dove ne ha vinte solo 4 su 12. Molto gira attorno aalla coppia coppia Kyzlink-Sorokas, guardia e ala forte che fatturano in coppia 25 punti e 13 rimbalzi a partita. Ma Treviglio è squadra con responsabilità diffuse, con cinque giocatori capaci di andare in doppia cifra. E attenzione a Matteo Chillo, di famiglia assai fortitudina, che all’andata non si fece intimidire giocando la miglior prova in stagione.

Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.