Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Ieri sera alle 19, al Cierrebi Club, la Virtus ha cominciato ufficialmente la stagione 2011/2012 con il raduno davanti a stampa e tifosi. E’ stata ovviamente una partenza a ranghi ridotti: ancora alla ricerca dell’ala titolare americana, per la quale potrebbe concretizzarsi il sogno Bootsy Thornton (che ritroverebbe Terrell McIntyre, col quale ha vinto lo scudetto a Siena nella stagione 2007-08), la Virtus ha dovuto stappare lo spumante anche senza i tre giocatori impegnati con le rispettive nazionali, vale a dire Petteri Koponen, Viktor Sanikidze e Peppe Poeta. In realtà queste tre situazioni sono abbastanza diverse tra loro: Koponen è certo al 100% di partecipare ai Campionati Europei che partiranno il 31 agosto, Poeta non ha invece troppe speranze di andare in Lituania, perché molto probabilmente sarà tra gli ultimi esclusi da coach Pianigiani dopo il torneo dell’Acropolis della prossima settimana, e infine Sanikidze, sicuro protagonista agli Europei con la sua Nazionale, non è invece del tutto certo di continuare ad indossare la canotta bianconera. Com’è noto, il georgiano ha rifiutato la proposta di ampliamento del contratto con la V nera, e quindi, piuttosto che perderlo gratis a fine stagione, la società potrebbe davvero cederlo ora, incassando un buy out del tutto interessante. Comunque sia, a partire ieri per la nuova stagione erano solo 5 effettivi, e cioè Terrell Mclntyre, Deividas Gailius, Jared Homan, Angelo Gigli e Nicolò Martinoni, più i giovani del vivaio Riccardo Moraschini, Viktor Gaddefors, Jakub Parzenski, Matteò Imbrò e Adam Pecachek. Da qui nascerà la Virtus del futuro.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.