Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

Nella serata senza domani, quella che poteva sbattere la Virtus fuori dall’Europa, è invece arrivato un successo che conta, una vittoria che fuga le recenti perplessità, legate alle sconfitte della scorsa settimana (Oldenburg prima, Rieti poi) capaci di far sorgere più di un dubbio ai tifosi ed alla stessa società. I bianconeri hanno invece espugnato Kiev, superando così il turno ed agganciando i quarti di finale di Eurochallenge da prima del proprio girone. Particolare, questo, non da poco, dal momento che ora Boykins e compagni conserveranno il fattore campo a favore, cominciando già da martedì prossimo alla Futurshow Station, dove arriveranno i tedeschi del Telekom Bonn: squadra tutt’altro che sottovalutabile, soprattutto se si pensa all’infausto rapporto avuto quest’anno dai bianconeri contro le formazioni teutoniche, alla luce delle 2 sconfitte maturate contro l’Oldenburg. Ma ci sarà tempo per pensare ai prossimi scogli continentali: ora ci si può godere questa vittoria, vitale per dare un senso diverso all’intera stagione bianconera. Nella serata in cui anche il super Langford di questi tempi ha mostrato un volto umano, toppando pericolosamente nell’occasione meno adatta, sono emersi altri protagonisti, Terry prima (praticamente perfetto ad inizio gara) e Koponen poi. Una serata da operai e non da stelle, insomma, anche se in effetti Boykins il suo l’ha fatto eccome, in un viaggio finalmente positivo, alla faccia dell’ennesima esternazione sfasata del patron Sabatini, che si era, com’è notorio, augurato una sconfitta. E’ proprio vero che per talune persone il silenzio sarebbe davvero d’oro.

Categoria: Basket
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.