Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/RVM_VIRTUS_20150323.mp4

Con una prestazione, che soprattutto nelle percentuali al tiro, è stata a dir poco disastrosa, la Virtus ha continuato a dimostrare la propria difficoltà lontano dalle mura dell’Unipol Arena. Ben nove delle 12 vittorie in questo campionato sono state interne e dunque ben si capisce che se riuscirà a mantenere un posto tra le prime otto del campionato, lo dovrà soprattutto a questo fortino quasi inespugnabile che è il Palazzo di Casalecchio.
Ma la differenza di rendimento tra casa e trasferta è talmente eclatante che è impossibile non ricercarne le cause. E contro una Reggio in grave emergenza onestamente si poteva provare a fare qualcosa in più, mentre le Vu Nere, pur non uscendo mai del tutto dalla partita, non hanno mai dato l’impressione di poterla riaprire davvero. Di sicuro il fatto di avere una squadra giovane può influire sulla differenza di rendimento: in casa la Virtus gioca praticamente a memoria, difende bene ed è ben supportata dal suo pubblico, sempre presente e caldo. In diverse occasioni si sono superate le 7000 presenze, un fattore emotivo e ambientale che da solo può provocare il panico agli avversari. In trasferta invece bisogna ancora fare il salto di qualità, quello che coach Valli ha chiesto più volte ai suoi, e che per ora non è ancora arrivato. Per avere la prova di questo basta citare due statistiche: in casa i bianconeri segnano pratiocamente 80 punti di media, tirando da tre col 38%. In trasferta invece si scende a 71 punti e al 21% dall’arco: una differenza enorme, soprattutto per una squadra che fa del tiro da tre una delle sue armi principali. Dopo i risultati di domenica la Virtus è ancora 7° in classifica da sola, a sette giornate dalla fine, e avrà da qui alla fine quattro trasferte e tre partite in casa. Alla Unipol Arena arriveranno squadre che presumibilmente non avranno più niente da chiedere al campionato (tranne Roma, che si è rimessa in corsa con la vittoria di ieri), e non è eresia pronosticare percorso netto. Per andare ai playoff però servirà almeno un colpo in trasferta, con Avellino e Cremona che saranno veri e propri scontri diretti.

Categoria: Basket, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.