Telecentro Odeon TV

La Tv di Bologna e dell'Emilia-Romagna (canale 17 e 71)

No Banner to display

[flv image=www.telesanterno.com/wp-content/uploads/2014/11/Bologna-Primavera-1967.jpg]rtmp://telecentro.meway.tv:80/telecentro_vod/rvm_bologna_primavera_20141124.mp4[/flv]

Qualcuno del nuovo Bologna in una confidenza ha detto: alcuni ragazzi della Primavera potrebbero tranquillamente giocare al posto degli attuali della Rosa e farebbero buona figura. Lo potremo vedere dal 2 al 16 febbraio prossimo durante dal 67^ edizione del Torneo di Viareggio. Si tratta della più importante manifestazione al mondo a livello di squadre Primavera e il Bologna non vi partecipava dal 2010. La squadra rossoblù è stata invitata ed è un segnale importante di quanto attenzione anche a livello mediatico riscuota la nuova proprietà americana, che proprio sul settore giovanile vuole puntare insieme alle infrastrutture e al lancio a livello mondiale del proprio brand.
Detentitrice del trofeo è il Milan, mentre l’Andelecht, la squadra a cui più si ispira l’avvocato Bergamini che sarà colui che dal punto di vista organizzativo si occuperà del settore, ha vinto la manifestazione ben nove volte. Grande soddisfazione da parte del Bologna ed in modo particolare del presidente Joe Tacopina, che ha detto: “”L’invito che abbiamo ricevuto dagli organizzatori per la nostra squadra Primavera al Torneo di Viareggio mi rende orgoglioso. Erano molti anni che non accadeva e ci tengo particolarmente, perché è uno dei tornei giovanili più importanti del mondo e ritengo che sia il primo passo verso il rilancio del nostro Settore Giovanile, uno degli obiettivi più significativi che ci siamo dati. Sono convinto, e l’ho sempre detto, che il successo del nostro Club dipenda anche dalla cura e dall’abilità con cui faremo crescere i nostri ragazzi”.
Saranno due mesi e mezzo di duro lavoro per la Primavera di Colucci quelli che da qui alla kermess versiliana serviranno per preparare l’evento. Se è vero che l’invito è arrivato inatteso, nello stesso momento siamo certi che la preoccupazione dovrà essere quella di poter lasciare un segno. E se è difficile arrivare come nel 1967 alla vittoria, però è lecito aspettarsi una squadra che possa almeno passare il primo turno per giocarsi negli scontri diretti nel fasi successive.

Categoria: Calcio, Sport
 

Lascia un Commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.